Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Province: un taglio da un miliardo di euro
di Alessandro Petralia

Enti locali. Bilanci pubblici passati ai raggi X.
L’indagine della Corte dei Conti. Il report dei magistrati contabili ha fotografato la situazione nelle nove amministrazioni provinciali: emergono debiti ingenti, anche se in calo.
Spesa bloccata. Si spende in media il 40 per cento per il personale. In questo modo, gli enti sono costretti a indebitarsi per recuperare risorse da destinare agli investimenti.

Tags: Province, Regione Siciliana, Corte Dei Conti



PALERMO - I debiti delle Province regionali siciliane, accertati dalla Corte dei Conti fino alla data del 31 dicembre 2009, ammontano complessivamente a 417,6 milioni di euro: una somma in calo rispetto al passato ma comunque rilevante, anche in considerazione degli interessi che le Province dovranno corrispondere agli istituti di credito che ne hanno finanziato il debito.
In tale situazione a pesare ancora una volta come un macigno sui bilanci degli enti è l’abnorme quantità di spesa corrente necessaria per mantenere “l’apparato” supera i 500 milioni di euro. Per risparmiare in colpo solo poco meno di un miliardo  di euro (500 mln € di spesa corrente, 400 mln € di debiti), basterebbe applicare l’art. 15 dello Statuto siciliano: trasformare le Province regionali in Consorzi di Comuni. (continua)

Articolo pubblicato il 19 giugno 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐