Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Nuova stangata per la Rc auto
di Dario Raffaele

Alla faccia delle liberalizzazioni!. Intanto con il D.lgs 198/2007 è aumentato il massimale assicurativo

Tags: Rc Auto, Assicurazione, Liberalizzazione



CATANIA - Ennesima stangata per gli automobilisti italiani alle prese con i continui rincari della Rc Auto. Per compensare i tagli subiti per effetto delle ultime manovre del Governo Monti, le Province italiane hanno, infatti, ritoccato l’aliquota dell’assicurazione auto, facendola lievitare dal 12,5% al 16% del premio. In alcuni casi, il rincaro delle polizze assicurative è stato accompagnato dall’aumento delle tariffe del registro automobilistico e del tributo ambientale. In Sicilia si registrano due comportamenti opposti.

Ad Agrigento, nonostante l’aumento delle polizze assicurative, il tributo ambientale è rimasto al 4%. «Con l’aumento della sola Rc auto – spiega la Provincia – otterremo a regime 3,5 milioni di euro in più, a fronte di 10 milioni di trasferimenti statali in meno».
Incremento record invece a Trapani, dove l’Ipt (imposta provinciale di trascrizione) è cresciuta dal 19% al 30%, un’operazione che dovrebbe garantire 400 mila euro in più nelle casse della Provincia.

Intanto l’11 giugno è entrato in vigore il decreto legislativo 198/2007 il quale prevede l’aumento del massimale assicurativo che la compagnia assicurativa copre al cliente. Il minimo si innalza a 5 milioni di euro per i danni alle persone, e a 1 milione di euro per i danni a cose o animali. Questo aumento, porta le compagnie assicurative ad adeguarsi agli standard europei attualmente in vigore, ma comporta anche un aumento del costo dell’Rc auto nei confronti del cliente.

Il decreto prevede anche un aumento minimo del costo dell’Rc auto, al fine di evitare che tale incremento vada a pesare più di tanto nelle tasche delle famiglie italiane già abbastanza tartassate dalle nuove tasse e da un costo della vita sempre più alto.
Il massimale minimo, grazie a questo decreto legislativo è stato praticamente raddoppiato. Precedentemente era fermo a 2,5milioni di euro per i danni alle persone e 500 mila euro per i danni a cose e animali. Il decreto legislativo vale per tutte le polizze rinnovate entro il 12 Giugno 2012 ed è pienamente compatibile con le polizze che verranno stipulate a partire dal 12 giugno 2012.

Come dicevamo, l’aumento del massimale minimo prevede anche l’aumento dell’Rc auto. Le famiglie italiane hanno a disposizione diversi mezzi per risparmiare sui costi delle assicurazioni. L’utilizzo del broker online e del comparatore, permette di effettuare le assicurazioni auto direttamente online, risparmiando tempo e soprattutto denaro ed in alcuni casi non poco. Sono tanti i siti web che permettono di comparare le varie compagnie assicurative online, si trovano facilmente inserendo in un motore di ricerca la parola “Rc auto”.

Articolo pubblicato il 22 giugno 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐