Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Qds, l’informazione più APPetibile e più APPassionante
di Antonio Leo

Pacchetto tablet e mobile, abbonamento annuale a € 89,99: un’offerta più vantaggiosa di quella dei nostri competitors. Da oggi, le inchieste targate QdS disponibili anche su dispositivi Apple (Ipad e Iphone)

Tags: Iphone, Ipad, Apple



PALERMO - Il Quotidiano di Sicilia, come i lettori sapranno, esiste dal 1979. Durante questo lungo arco di tempo ha attraversato tutti i cambiamenti intercorsi nel mondo dell’editoria e dell’informazione. Negli ultimi anni specialmente si è assistito a una trasformazione radicale dei mezzi di comunicazione, ma anche degli usi e dei costumi dei lettori. Nell’era della rivoluzione tecnologica, per essere competitivi, è necessario rendere reperibili i propri contenuti in modo universale, così da soddisfare le multiformi esigenze di chi apprezza il lavoro di un giornale. Per tali motivi, da oggi potrete tenere sempre con voi, in tasca o nel palmo di una mano, le notizie, le inchieste e i servizi targati Qds.

I possessori di un dispositivo Apple (Ipad, Iphone) troveranno nell’Appstore l’applicazione del primo giornale di economia e business dell’Isola e presto sarà ultimata la versione per coloro che hanno uno strumento con sistema operativo Android.
L’offerta, dunque, si allarga: accanto all’abbonamento standard da 99 euro che vi permette di acquistare, per un intero anno, un pacchetto composto dal giornale cartaceo, il sito web e tutto l’archivio dal 1979, vi saranno ben sei nuove modalità di fruizione dei contenuti del quotidiano.

Per quanto riguarda il pacchetto tablet e mobile, sarà possibile scegliere tra l’acquisto di una sola copia a 0,79 € (in linea con le altre testate) e l’abbonamento per una settimana a 3,99 €, per un mese a 11,99 €, per 3 mesi a 29,99 €, per 6 mesi a 49,99 € e infine per un anno a 89,99 €. Un’offerta variegata che viene incontro a tutte le esigenze, e le tasche. I prezzi, infatti, sono ogni fascia al di sotto dei nostri principali competitors regionali ed economici. Se si prendono a campione gli abbonamenti annuali (tablet e mobile) , la soluzione proposta dal Qds costa circa la metà rispetto al Giornale di Sicilia, La Sicilia e la Gazzetta del Sud e addirittura un terzo rispetto alle altre testate di informazione finanziaria Sole 24 ore, Milano Finanza e Italia Oggi.
Un modo per agevolare quanti vorranno seguire il QdS, senza rinunciare all’informazione seria, puntuale e fuori dal coro che in negli anni ha contraddistinto questo giornale.

Le innovazioni, però, non si fermano qui. Accanto alla citata rivoluzione tecnologica, infatti, assistiamo a un rapido mutamento della vita in società. Con l’avvento dei social network non basta più pubblicare le notizie: bisogna condividerle. Il Quotidiano di Sicilia non ha voluto essere da meno ed è in prima fila nella diffusione dei propri contenuti tramite le nuove agorà digitali.
Da diverso tempo è possibile seguire la pagina di Facebook che ha superato Il migliaio di fan e che ogni giorno permette di accedere ad alcuni contenuti del Qds direttamente attraverso il proprio profilo.

Inoltre, i lettori avranno notato che ormai da qualche settimana il direttore, i giornalisti e alcuni collaboratori firmano i propri articoli con il nome utente di Twitter. Si tratta di un modo con il quale si vuole creare un filo diretto “crossmediale” tra il giornale e gli utenti, in modo da poter rilanciare sul web i temi sollevati quotidianamente. L’etichetta #senzamestiere ha già avuto un buon successo di pubblico: adesso spetta ai lettori infiammare il dibattito. Sprechi, parassitismi e privilegi: tutto quello che non viene detto sulla Sicilia si trova in edicola, sul web, sui social network e adesso anche su tablet.

Antonio Leo
Twitter: @ToniBandini

Articolo pubblicato il 28 giugno 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus