Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Rischi naturali, si salvi chi può
di Rosario Battiato

Ambiente. Terremoti, frane, alluvioni e l’impatto antropologico.
Eventi. In questi giorni di caldissima estate è argomento lontano dai pensieri. Tuttavia, dall’autunno frane e alluvioni torneranno a fare paura in Sicilia, isola che convive con lo spettro del grande terremoto.
Danni. Gli ultimi dati Ispra danno l’idea di quanto successo negli ultimi anni. Tantissimi danni e vittime umane, con costi decisamente superiori a quanto possa ammontare una seria politica di prevenzione.

Tags: Raffaele Lombardo, Terremoto, Frane, Alluvione



PALERMO – L'antropizzazione selvaggia si sposa con il rischio naturale siciliano. Il connubio è letale, perché i mali connaturati alla fragilità del territorio isolano (rischio sismico e idraulico su tutti) vengono alimentati ed amplificati da una gestione del territorio che non conosce i termini prevenzione e cura.
Così accade che le cave, le miniere, il cemento selvaggio, i pozzi petroliferi e di acqua, contribuiscano in maniera determinante a cancellare quel poco di Sicilia che è ancora rimasto. Il resto lo compiono gli strumenti legislativi completamente carenti che dovrebbero invece servire a gestire e pianificare il territorio e non ad attendere tragedie per agire in una fase successiva. Lo stesso avviene anche per il risanamento ambientale, che è un passaggio ancora lontano dall'essere recepito. (continua)

Articolo pubblicato il 11 luglio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus