Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

I cibi per difendersi dal caldo: il gelato fa la parte del leone
di Michele Giuliano

Boom di vendite in Sicilia: +20%. Da preferire anche la frutta e le verdure

Tags: Alimentazione, Estate, Caldo



PALERMO - Il caldo torrido di giugno ha messo le ali alla domanda di gelati e di frutta fresca e immancabilmente sono lievitati anche i listini sugli scaffali. Soltanto in Sicilia, secondo gli ultimi dati diffusi in merito dall’Istat, si è aumentato il consumo di gelato del 20 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. 

“L'arrivo degli anticicloni di origine sahariana come “Scipione” e “Caronte” - si legge nella nota della Cia, la confederazione italiana degli agricoltori -, che hanno portato di colpo le temperature a 35-40 gradi, hanno spinto in alto gli acquisti di gelato e di frutta, i prodotti più rinfrescanti e dissetanti per combattere l'afa e i colpi di calore con un incremento anche del 20 per cento dei consumi soprattutto nelle località di mare, nelle città d'arte e nei grandi centri urbani”.

I consumatori siciliani quindi dimostrano di essere anche abbastanza accorti sul piano delle contromisure da adottare per preservare la propria salute contro le altissime temperature di questi giorni. Proprio il gelato, secondo le ultime indicazioni arrivate dai medici, è uno degli alimenti in tal senso più adeguato specie per i bambini che hanno limitazioni nel consumare determinati cibi. Gli addetti ai lavori consiglio il consumo del gelato anche a merenda in quanto fornisce il giusto apporto calorico oltre a elementi importanti per la crescita come proteine, calcio, fosforo, ferro e vitamine A, B1 e B12. Ma purtroppo per i consumatori la fregatura sta sempre dietro l’angolo: “Con l'aumento della domanda - spiega la Cia - è cresciuto anche il prezzo al consumo. A giugno, infatti, i listini dei gelati hanno registrano un rialzo dello 0,3 per cento rispetto al mese scorso e dell'1,4 per cento su base annua”.

Più sostenuta la crescita dei listini al supermercato della frutta, che hanno segnato un incremento del 9,4 per cento rispetto a maggio e del 3,1 per cento nel confronto con lo stesso periodo del 2011. “Più in generale - conclude la nota della Confederazione Italiana Agricoltori - a giugno i prezzi al consumo degli alimentari non lavorati sono saliti del 2,6 per cento a livello tendenziale. Una situazione che non trova corrispondenza nei listini praticati sui campi. Infatti nello stesso mese i prezzi alla produzione pagati agli agricoltori sono calati dello 0,3 per cento annuo, con un crollo soprattutto per l'olio d'oliva (-31,2 per cento) e per i cereali (-18,9 per cento)”.

In Sicilia, ritornando al consumo boom del gelato, c’è davvero l’imbarazzo della scelta a livello di rivenditori. Secondo l’ultima analisi fatta da Confartigianato tra il 2004 e il 2009 la Sicilia è stata una delle regioni d’Italia con la più alta crescita di aperture di gelaterie nel territorio. La Sicilia ha fatto registrare un aumento di laboratori di produzione del gelato di ben il 12 per cento in questo lasso di tempo. In pochi hanno saputo fare meglio. Per quanto riguarda i consumi di gelato al Sud si riesce a smaltire il 29,4 per cento della produzione italiana con vendite concentrate soprattutto nel periodo estivo.
 

Acqua e corretta alimentazione nel periodo estivo

La corretta alimentazione durante il periodo estivo contribuisce a contenere i disagi dovuti alle alte temperature e all’eccesso di umidità. Una dieta equilibrata, oltre ad aiutare a mantenere un peso corporeo adeguato, aiuta a prevenire e a trattare molte malattie croniche come l’obesità e il sovrappeso, l’ipertensione arteriosa, le malattie dell’apparato cardiocircolatorio, le malattie metaboliche, il diabete tipo 2 e alcune forme di tumori. Inoltre, una sana alimentazione fortifica il sistema immunitario contribuendo a proteggere l’organismo da alcune malattie non direttamente legate alla nutrizione. L’estate offre inoltre una ricca varietà di frutta e di verdura, con le quali saziare anche il gusto e la vista, oltre il loro indiscusso contributo a fornirci di vitamine e sali minerali utili in periodi di eccessiva sudorazione. Per questo in estate occorre bere molto di più, limitando però bibite gassate, molto zuccherate ed eccessivamente fredde: sono da evitare anche bevande alcoliche e un numero eccessivo di caffè. Con il caldo anche i processi digestivi sono meno efficienti per cui si raccomanda il consumo di cibi leggeri diminuendo l’apporto di grassi, carni e fritti.

Articolo pubblicato il 17 luglio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐