Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La Chinnici ci è costata 175 mln di euro
di Carlo Passarello

La casta. La Sicilia è nel baratro ma la politica non paga
Normativa. La Finanziaria 2010 e il Dl 138/2011 sono le due leggi che la Regione Siciliana ha deciso di ignorare, continuando ad alimentare un esercito di oltre seimila politici negli enti locali
Aree metropolitane. Il risparmio maggiore si sarebbe potuto avere
soprattutto nei tre grandi Capoluoghi, con 38 consiglieri in meno a Palermo, Catania e Messina

Tags: Chinnici, Regione, Finanziaria



PALERMO - Sarebbe bastato semplicemente recepire le leggi emanate dal Governo nazionale per effettuare un taglio da 175 milioni di euro ai costi della politica siciliana. Eppure il Governo Lombardo, attraverso l’ex assessore regionale alle Autonomie locali, Caterina Chinnici, ha preferito bloccare tutto e continuare ad alimentare la Casta.
Il taglio avrebbe interessato oltre 2 mila consiglieri in tutta la Sicilia, ma questa grande boccata d’ossigeno per le casse della Regione è stato sacrificato sull’altare della cattiva politica, quella che pensa a piazzare quanti più senzamestiere possibili nei posti del potere e se ne infischia del benessere dei cittadini.
Non stupiamoci, dunque, se la Sicilia rischia giorno dopo giorno di sprofondare nel baratro e portare con sé tutti i siciliani. (continua)

Articolo pubblicato il 18 luglio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus