Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Piano rifiuti, tempi rigidi per i Comuni
di Rosario Battiato

Inizia l’era delle Ssr. Per i debiti della Regione, si troverà il miliardo necessario dando in gestione la riscossione delle tariffe. Entro il 6 agosto gli Enti locali dovranno approvare lo Statuto tipo, altrimenti saranno commissariati

Tags: Rifiuti, Enti Locali



PALERMO – Adesso ci sono tempi strettissimi. Dopo l’approvazione del Piano rifiuti dal ministero dell’Ambiente e dalla Protezione Civile nazionale si procede a tappe forzate verso la costituzione delle dieci Srr, società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti, in ordine all’attuazione della legge regionale 8 aprile 2010 n. 9. In tal senso il governatore Raffaele Lombardo ha organizzato due giorni di workshop a inizio settimana per gli amministratori e i funzionari degli Enti territoriali di tutte le province isolane per presentare le procedure per la costituzione delle società di gestione integrata dei rifiuti. Intanto sul sito istituzionale dell’assessorato regionale dell’Energia è già possibile visionare e scaricare lo schema di atto deliberativo per la costituzione delle nuove società nonché lo schema di statuto e di atto costitutivo.

Scatta l’ora della rincorsa e non si può agire altrimenti. Lo sa bene Raffaele Lombardo che prima della chiusura del suo mandato vorrebbe almeno tagliare il nastro della nuova era. In occasione del workshop con gli enti locali il governatore ha ricordato che la legge 9/2010 chiude il sistema dei 27 Ato dell’era Cuffaro imponendo ambiti e sub ambiti che non vengono più governati da costosissimi consigli di amministrazione bensì da tre sindaci che non percepiscono alcuna indennità e possono controllare direttamente la gestione. In tal modo si dovrebbe evitare la ripetizione della mala gestione degli ambiti che ha creato un debito di circa un miliardo di euro. Riguardo il capitolo impiantistica sono già stati finanziati altri 8 impianti di compostaggio. Sul fronte della riscossione Lombardo ha promesso una grande gara con una società specializzata che farà la riscossione della tariffa, e quando si sarà attribuita la riscossione a un grande gruppo la Regione pretenderà un miliardo di euro così da poter girare la somma ai creditori del sistema Ato.
Tempi rigidi di lavoro anche per gli Enti locali che avranno tempo fino al prossimo 6 agosto per approvare lo Statuto tipo. Se il limite non dovesse essere rispettato subentrerebbe la Regione col commissariamento che farebbe approvare tutto entro la data limite.

Soddisfazione da parte di Fabio Mancuso, presidente della IV Commissione Ambiente all’Ars, e presente ieri a Palazzo dei Normanni all’incontro con gli amministratori locali. Ruolo centrale è riservato alle Srr.
“A occuparsi della regolamentazione dei servizi inerenti alla raccolta rifiuti – ha spiegato Mancuso – saranno la Srr amministrata da un’assemblea e da un cda i cui componenti verranno individuati ed eletti tra gli amministratori degli enti locali soci che presteranno per legge le loro funzioni a titolo gratuito. La Srr si occuperà di organizzare, affidare e disciplinare il servizio tramite la redazione di un piano d’ambito, documento programmativo che prevede l’indizione di una gara per il territorio d’ambito in modo da affidare a terzi il servizio di raccolta”.
Adesso, secondo quanto previsto dalla legge 9, il Comune stesso a stipulare il contratto con l’appaltatore, mentre prima non aveva il controllo diretto del servizio di gestione rifiuti.

Articolo pubblicato il 18 luglio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐