Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Sicilia regina dell’abusivismo edilizio incoronata dalla campagna Goletta Verde
Quest’anno già contestati 629 reati con 926 persone denunciate per manufatti che deturpano il paesaggio. Consegnato il premio “Tutti giù per terra” all’ex sindaco di Marsala Renzo Carini

Tags: Legambiente, Abusivismo Edilizio



PALERMO - "La Sicilia anche quest'anno si riconferma leader nazionale per illegalità edilizie sul demanio con 629 reati contestati e ben 926 persone denunciate o arrestate nel corso del 2011". Lo sostiene Legambiente, che con la sua campagna Goletta Verde ha fatto tappa nell'Isola.
"Sono violazioni - sostengono gli ambientalisti - commessi per realizzare manufatti di cemento che deturpano il paesaggio, danneggiano il turismo e che devono essere cancellati per restituire dignità alla Regione. Prima fra tutti, spicca ancora la suo posto la collina del disonore di Pizzo Sella, a Palermo, una lottizzazione abusiva in piena regola che guida la top five di Legambiente degli ecomostri nazionali per l'abbattimento della quale non sono più tollerabili ulteriori rinvii".
Consumo di suolo, abusivismo edilizio, tutela del paesaggio e rilancio dell'economia turistica sono stati i temi portanti dell'incontro "La demolizione degli abusi edilizi condizione per rilanciare l'economia turistica della Sicilia" tenutosi ieri presso la Società Canottieri, alla Cala di Palermo.
Durante l'incontro, sono stati presentati i risultati dello studio "La costa siciliana, da Trapani a Messina: l'aggressione del cemento e i cambiamenti del paesaggio".
Nel corso dell'incontro è stato assegnato all'ex sindaco di Marsala, Renzo Carini, il riconoscimento "Tutti giù per terra", promosso nell'ambito della campagna di Legambiente "Abbatti l'abuso", per le demolizioni edilizie del 2011.

Articolo pubblicato il 21 luglio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus