Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

LÂ’esempio positivo della Calcestruzzi ericina
di Cettina Mannino

Confiscata definitivamente al boss Vincenzo Virga nel giugno 2000. Beni assegnati alla cooperativa di lavoratori dell’azienda

Tags: Calcestruzzi Ericina



TRAPANI - La Cooperativa Calcestruzzi Ericina Libera è un esempio unico, a livello nazionale, di aziende confiscate alla mafia che, gestita in amministrazione giudiziaria, è cresciuta. L’azienda Calcestruzzi Ericina viene confiscata definitivamente al boss Vincenzo Virga nel giugno 2000. Da quel momento inizia, dunque, un lungo e difficile percorso che, grazie all’impegno di molti, a cominciare dai lavoratori della stessa azienda, riesce a dare vita a una nuova impresa sana e pulita.

Come previsto dalla legge 109 del 1996 sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, i beni aziendali della Calcestruzzi Ericina vengono affidati alla cooperativa costituita dai lavoratori dell’azienda: la Calcestruzzi Ericina Libera.
I protagonisti del progetto sono la Prefettura di Trapani, le forze dell’ordine e la Procura della Repubblica, l’Agenzia del Demanio e la Regione siciliana, l’associazione Libera guidata da Don Ciotti, Unipol Banca e Unipol Gruppo Finanziario, Anpar, Legacoop e il commissario straordinario di Governo, Antonio Maruccia. “L’azienda- racconta il presidente delle cooperativa, Giacomo Messina - non solo si è ripresa economicamente ma ha anche ingrandito la propria attività. A fianco allo stabilimento dove viene prodotto il calcestruzzo è stato realizzato un impianto di riciclaggio dei materiali edili di rifiuto tecnologicamente all’avanguardia per il nostro Paese.

Nasce così una vera e propria filiera imprenditoriale, che consente di recuperare materiali destinati a finire in discarica, o peggio ancora abbandonati nell’ambiente, e di trasformarli in una risorsa”. Adesso la Cooperativa è in attesa del decreto che ne formalizza definitivamente l’assegnazione dell’azienda. Ma resta solo un particolare burocratico di un esempio nazionale.

Articolo pubblicato il 01 aprile 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Mafia: a manager i beni confiscati - Beni ex mafia. Occorrono fino a otto anni per assegnarli.
    Tempi lunghi. Del totale dei beni confiscati, 2.137 sono quelli destinati (meno del 50% del totale). I tempi lunghi portano al deterioramento degli immobili o al fallimento delle aziende.
    Sprechi. Salvino Caputo ha denunziato lo sperpero di 750.000 € di fondi del Pon sicurezza e del Patto territoriale per la messa in sicurezza e la ristrutturazione della cantina Kaggio ancora non assegnata (01 aprile 2009)
  • Don Luigi Ciotti. Il 30% delle aziende bloccate da ipoteche bancarie - (01 aprile 2009)
  • LÂ’esempio positivo della Calcestruzzi ericina - Confiscata definitivamente al boss Vincenzo Virga nel giugno 2000. Beni assegnati alla cooperativa di lavoratori dell’azienda (01 aprile 2009)
  • I fondi per recuperare i beni confiscati alla mafia - 91 milioni di euro per il Pon Sicurezza 2007-2013, 20 mln per la Sicilia. Si può fare ricorso anche ai fondi regionali del Por (01 aprile 2009)


comments powered by Disqus