Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Prezziario unico per lavori pubblici
di Pierangelo Bonanno

Sull’ultima Gurs il decreto del 9 luglio del Presidente della Regione fornisce i criteri generali. Le quotazioni sia per i materiali di fornitura che per le opere compiute

Tags: Lavori Pubblici, Regione



PALERMO - Nella Gazzetta ufficiale della Regione siciliana  n.29 dello scorso 20 luglio è stato pubblicato il decreto regionale con oggetto i Criteri generali per la formazione del prezzario unico regionale per i lavori pubblici. Il provvedimento è stato firmato lo scorso 9 luglio dal Presidente della Regione, Raffaele Lombardo.

Il prezzario unico regionale per i lavori pubblici a cui si attengono gli enti per la realizzazione dei lavori di loro competenza da eseguirsi nell’intero territorio regionale, sarà costituito da voci di capitolato per opere finite e forniture, il cui costo sarà comprensivo di tutte le fasi lavorative necessarie per la definizione dell’opera completa e realizzata a perfetta regola d’arte. Il prezzario riporterà le quotazioni dei materiali di fornitura e delle opere compiute.
Le quotazioni saranno indicate in euro e saranno affiancate dall’incidenza della mano d’opera in percentuale sul prezzo in elenco.
I costi per le opere compiute verranno calcolati tramite analisi dei prezzi, nelle quali i costi della mano d’opera per gli operai edili saranno calcolati dalla media pesata dei costi individuati nelle nove province derivanti dai contratti integrativi vigenti alla data di definizione del prezzario rispetto alla popolazione. Per quanto riguarda i costi di mano d’opera per le altre categorie di lavoratori (installatori, tecnici, specialisti, ecc.) si farà riferimento ai contratti collettivi  nazionali di categoria vigenti. I prezzi dei materiali elementari saranno desunti da indagini di mercato tra i principali produttori, i materiali dovranno essere di ottima qualità e si intenderanno corredati dei marchi, delle attestazioni di conformità e delle certificazioni richieste. I prezzi delle opere compiute saranno determinati e periodicamente aggiornati, conformemente alla normativa vigente in materia, in base ad appropriate analisi effettuate per le diverse tipologie di lavorazione ed in funzione delle tecnologie più aggiornate.

Il prezzario sarà composto da:  capitoli; paragrafi; voci; tipi. Ogni “Tipo” sarà dotato di specifica analisi, priva di riferimenti alla sicurezza; le singole analisi saranno composte da:  materiali e semilavorati o prodotti da installare;  manodopera utilizzata in cantiere per la posa in opera; trasporti; noli. I noli saranno individuati da un’analisi che prenderà in considerazione i fattori principali del costo di noleggio quali: il costo del macchinario e suo ammortamento; il costo dei combustibili e dei lubrificanti; il costo di manutenzione; il costo dell’operaio in caso di nolo a caldo.

Tutti i materiali in fornitura si dovranno intendere resi franco cantiere, se non diversamente specificato. Tutti i prezzi compresi nel prezzario saranno comprensivi di spese generali nella misura massima del 15% e utili di impresa nella misura del 10%, escluso il capitolo relativo agli oneri per la sicurezza, per il quale non verrà applicata l’aliquota relativa all’utile di impresa in quanto i prezzi non saranno soggetti a ribasso al momento della gara.

I prezzi riportati si dovranno intendere come informativi e medi, per forniture e lavori con normale grado di difficoltà, e corrisponderanno alle quotazioni di mercato per nuove costruzioni di media entità, per lavori di ristrutturazione di intero stabile, e per lavori di manutenzione e restauro di media entità. Gli oneri di sicurezza non saranno inclusi nelle singole voci e comprenderanno ponteggi di servizio, attrezzature, opere provvisionali, opere di protezione, vie di accesso al cantiere, nonché le spese di adeguamento del cantiere; detti oneri non comprenderanno altresì gli apprestamenti e le misure preventive e protettive espressamente previste nel Piano di sicurezza e coordinamento ove redatto ai sensi della normativa vigente in materia.

Articolo pubblicato il 25 luglio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus