Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Terremoti, 74 "bombe" in Sicilia
di Rosario Battiato

Ambiente. Il rischio sismico e le leggi assenti
L’attenzione. Terminata la scia emozionale su quanto successo in Emilia, restano le falle sul contrasto ai terremoti di una certa entità, soprattutto in una zona ad alto rischio come la Sicilia
Paradosso. Esiste l’obbligo di osservare i sistemi antisismici per le costruzioni, mentre ne sono esenti gli impianti industriali ad alto rischio d’incidente rilevante. In Sicilia sono 74

Tags: Terremoti, Impianti Industriali



PALERMO – Il 6% degli impianti a rischio incidente rilevante d'Italia si trova in Sicilia. Non ci sono solo le ben note aree petrolchimiche di Gela, Priolo e Milazzo, ma anche acciaierie, centrali termoelettriche, e tutte quelle strutture che l'Ue considera pericolose per il territorio e considerate meritevoli di particolare attenzione in termini di sicurezza. Eppure in l'Italia non esiste ancora una specifica normativa per il contenimento del rischio sismico di queste strutture che si trovano in alcune delle zone a più "calde" della Sicilia. Passato quasi un anno dalla prima interrogazione parlamentare in materia non è stata ancora formulata nemmeno una bozza di normativa in materia, né un censimento degli impianti che hanno già provveduto all'isolamento sismico. La Sicilia trema con oltre 70 strutture. (continua)

Articolo pubblicato il 27 luglio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐