Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Unificazione Alitalia-Wind Jet, lotta serrata all’ultimo slot
di Giuliana Gambuzza

Il via libera dell’Antitrust è subordinato a una cessione di bande orarie valida per il prossimo biennio. Decolli/atterraggi che dovrebbe perdere Az-WJ sul totale, ecco i numeri

Tags: Alitalia, Windjet, Concorrenza, Antitrust



CATANIA - È scattato il 18 luglio il via libera condizionato dell’Antitrust all’unificazione di Alitalia e Wind Jet. La compagnia di bandiera potrà acquisire la concorrente solo a patto che ceda alcune coppie di slot.

A farne richiesta potranno essere i vettori che non hanno legami societari, finanziari e commerciali con Alitalia e che non fanno parte dell’alleanza SKYTeam, purché si impegnino a usare le bande orarie loro attribuite e a mantenerne inalterate le destinazioni. Sono già nell’aria due nomi: Meridiana e EasyJet.

L’obbligo resterà in vigore fino all’estate 2014, per un totale di due anni che, secondo la classificazione dell’International Air Transport Association,  corrispondono a due stagioni Summer (da aprile a ottobre) e a due Winter (da novembre a marzo).
Si tratta di “misure necessarie per eliminare gli effetti anticoncorrenziali che si sarebbero altrimenti creati sulle rotte Catania-Milano, Palermo-Milano e Catania-Roma”. Così fa sapere l’Authority, che non tocca invece i voli con un volume più ridotto di passeggeri, quelli in partenza da Catania con arrivo a Bologna, Pisa e Venezia e con decollo da Palermo e atterraggio a Torino.
Per quanto riguarda queste tratte cosiddette minori, infatti, dalle indagini del Garante non sono risultate limitazioni di tipo tecnico o amministrativo alla disponibilità di bande orarie né situazioni di congestionamento nelle attività di decollo/atterraggio.
Veniamo ora ai collegamenti incriminati. In base al provvedimento dell’Antitrust, verranno riassegnate fino a due coppie di slot su Catania-Milano Linate e una coppia su Palermo-Milano Linate. Le bande orarie individuate, equivalenti ciascuna a un diritto di decollo e un diritto di atterraggio, dovranno corrispondere ai voli operati da Wind Jet nelle stagioni IATA Winter 2011/2012 e Summer 2012.

Più stretti i vincoli per la rotta Catania-Roma Fiumicino: sul mercato aereo torneranno fino a due coppie di slot, che questa volta saranno chiamate a coincidere con i percorsi coperti da Wind Jet nei periodi Winter 2011/2012 e Summer 2012, nelle fasce della mattina (ore 7-9) e della sera (ore 19-21), quelle più ghiotte per tutti i competitor.

Consultando la sezione “Orari stagionali”, presente (a volte con nomi differenti) sui siti Internet degli aeroporti interessati (il Fontanarossa di Catania, il Linate di Milano, il Fiumicino di Roma e il Falcone-Borsellino di Palermo) e valida per Summer 2012, e aggregando i dati che vi sono riportati, è possibile calcolare di quante bande orarie sul totale sarà costretta a disfarsi Alitalia-Wind Jet. Il risultato è da ritenersi orientativo, visto che, per ogni stagione, ci sono voli che non vengono effettuati proprio sette giorni su sette o addirittura una tantum.

Sulla rotta Palermo-Milano Linate, Alitalia dovrà rinunciare a tutti i sette tragitti, con frequenza settimanale, portati in dote da Wind Jet; numero che raddoppia localizzando il decollo/atterraggio a Catania.
Infine, sulla Catania-Roma Fiumicino, alla compagnia di bandiera verranno tolte giornalmente le due coppie di slot in dotazione all’altra società tra le 7 e le 9 e tra le 19 e le 21 e confermate le due appartenenti alle restanti fasce orarie.

Giuliana Gambuzza
Twitter: @GiulyGambuzza

Articolo pubblicato il 01 agosto 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus