Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Reti di formazione e partnership. Dall’Ue 2,5 milioni di euro
di Antonio La Ferrara

Bando pubblicato nell’ambito del programma Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità. Obiettivo: sostenere e rafforzare la cooperazione e gli scambi transnazionali

Tags: Unione Europea, Lavoro



Nell’ambito del programma Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità, è stato pubblicato un bando inerente le reti di formazione e la realizzazione di partnership.
Il contributo della Commissione europea a sostegno della cooperazione transnazionale nel quadro del Fondo Sociale europeo (FSE) è in parte assicurato dalla creazione di reti di formazione.

In tal senso, la Commissione nel 2008-2009 ha lanciato due inviti a presentare proposte per facilitare e rafforzare la cooperazione e gli scambi transnazionali finanziati nell’ambito dei programmi del FSE. Come risultato di questi inviti, sono state istituite tredici reti di formazione che coprono una vasta gamma di temi e questioni relative al FSE.

Per quanto concerne gli obiettivi, tenuto conto dell’esperienza acquisita fino ad oggi grazie alle reti di apprendimento realizzate a seguito degli inviti a presentare proposte nel 2008 e nel 2009, l’obiettivo generale del presente invito è diretto a facilitare lo sviluppo di reti sostenibili, aperte e partecipative che affrontino le questioni e le tematiche salienti per la realizzazione della Strategia europea 2020 (http://ec.europa.eu/europe2020/index_it.htm).

Obiettivi specifici da raggiungere sono:
• migliorare la qualità e l’efficienza dei programmi collegati ai Fondi strutturali e la loro influenza sull’occupazione e sull’inclusione sociale in tutta l’Unione;
• contribuire all’elaborazione delle politiche a livello UE, in particolare nel quadro della Strategia Europa 2020 e le sue “iniziative faro” attraverso la:
- valorizzazione delle opportunità offerte ai gestori dei programmi, alle parti strategiche interessate, ai servizi governativi che beneficiano del sostegno finanziario del FSE e ad esperti del settore, perché imparino gli uni dagli altri e con tutti gli altri;
- messa a frutto di buone pratiche nel contesto dei programmi operativi del FSE (in particolare azioni innovative e cooperazione transnazionale);
- trasformazione dell’apprendimento condiviso in messaggi politici in relazione al tema/ campo specifico.

Le reti di formazione selezionate nell’ambito del presente invito dovrebbero concentrarsi su temi salienti per il conseguimento della strategia Europa 2020 che possono contenere i seguenti elementi:
- economia sociale e impresa sociale,
- pari opportunità tra uomini e donne,
- imprenditoria solidale per i giovani,
- inclusione attiva ivi compresa l’inclusione e la responsabilizzazione sociale dei gruppi vulnerabili.

I soggetti beneficiari sono i candidati ammissibili, ovvero le autorità di gestione del FSE (siano esse nazionali che regionali) designate ai sensi dell’articolo 59 del regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio o gli organismi intermedi e le amministrazioni pubbliche incaricate delle politiche sostenute dal Fondo Sociale Europeo.
L’importo complessivo disponibile ammonta ad euro 2,5 milioni.

Per quanto riguarda le modalità di partecipazione, il contributo finanziario dell’Unione europea non può essere superiore all’80% dei costi totali ammissibili.
A seconda della qualità delle domande ricevute, il numero delle reti potrà variare da cinque a otto; inoltre la durata prevista dell’azione deve essere compresa tra 18 e 24 mesi.

La Commissione pubblicherà e aggiornerà tutte le domande e le risposte di comune interesse (FAQ) sul sito.
Le domande possono essere inviate in formato elettronico utilizzando il sistema SWIM (https://webgate.ec.europa.eu/swim/external/displayWelcome.do), in triplice copia ( 2 copie + originale ) agli indirizzi presenti nel testo dell’invito.
Per ulteriori informazioni è possibile inviare le domande al seguente indirizzo e-mail: empl-vp-2012-005@ec.europa.eu 
Il termine ultimo per presentare i progetti è il 14 settembre 2012.

Articolo pubblicato il 03 agosto 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus