Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Nella classifica dei Ddl il Pd il più produttivo
di Raffaella Pessina

Caputo e Vinciullo ne hanno presentato 81 e 44, ma molti si sono arenati. 259 disegni di legge, contro i 236 del Pdl e i 65 dell’Udc

Tags: XV Legislatura, Ddl



PALERMO - I 90 deputati di questa 15a legislatura, per onorare la propria carica, si sono dedicati alla creazione e alla presentazione dei disegni di legge nonché all’attività ispettiva loro riservata con interrogazioni, interpellanze e ordini del giorno. C'è ovviamente chi è stato più “fecondo” di altri e abbiamo voluto stilare una classifica di merito.
 
Per quanto riguarda i ddl presentati come primo firmatario al primo posto si è piazzato Salvino Caputo (Pdl) con 81 ddl. Purtroppo almeno da come si evince consultando il sito internet dell'Ars, 66 di questi documenti non hanno potuto vedere la luce così come quelli presentati dal secondo classificato Vincenzo Vinciullo (Pdl)  con 44 ddl, 34 dei quali sono rimasti al palo. Gli argomenti preferiti sono stati tra gli altri per Vinciullo quelli relativi all'edilizia e gli aiuti alle famiglie. Il terzo classificato è stato Alessandro Aricò del Fli con 42 documenti dei quali 33 non sono giunti anche loro alla approvazione del Parlamento. Seguono  due componenti del Pd, Giovanni Barbagallo con 36 ddl presentati e 30 non esitati e Baldassarre Gucciardi con 33  ddl di cui 30 non arrivati al termine. Antonino Cracolici, capogruppo del Pd, su 32 ddl è riuscito a farne approvare solo 10  e Camillo Oddo (Pd) con 33 di cui solo 10 hanno raggiunto il traguardo. Resta ovviamente fuori gioco il Presidente della Regione Lombardo che a suo nome sono stati caricati sul sito internet Ars i ddl governativi.
 
I meno produttivi invece risultano essere con un solo disegno di legge: Nicola D'Agostino, Giuseppe Federico, Giuseppe Lo Giudice, Ignazio Marinese, Bernardo Mattarella, Francesco Musotto, Giuseppe Picciolo e Salvatore Termine. Con due disegni di legge presentati invece risultano esserci: Mario Bonomo, Nino Bosco, Titti Bufardeci, Alberto Campagna, Michele Cimino, Giacomo di Benedetto, Nino Dina, Giovanni Greco, Francesco Mineo, Raffaele Nicotra e  Filippo Panarello.
Record per Marcello Bartolotta, Nunzio Cappadona, Giovanni Cristaudo, Carmelo Currenti, Antonio D'Aquino, Luigi Gentile, Edoardo Leanza, Mario Parlavecchio, Guglielmo Scammacca della Bruca e Giuseppe Spampinato per non aver presentato alcun disegno di legge come primo firmatario.
 
Esaminiamo ora quali sono stati i gruppi parlamentari che hanno presentato più disegni di legge: il primato va al Partito democratico con 259 ddl, segue il Pdl con 236,  65 i ddl presentati dall'Udc, 59 per l'Mpa (esclusi ovviamente quelli di Raffaele Lombardo, considerati ddl governativi), 53 sono stati invece i ddl presentati dal Fli, 28 dal Pid e infine 17 per l'Mps e 16 per Grande Sud. Numeri comunque suscettibili di modifiche poiché nel corso degli ultimi mesi si sono affacciati alla ribalta altri gruppi parlamentari a cui hanno aderito parlamentari che prima facevano parte di altri partiti: Udc- Terzo Polo, Udc verso il partito della nazione, Sicilia, Democratici di sinistra, ecc.
 
Curioso come la somma di questi ddl sia di 733 ddl presentati quando nel sito Ars il risultato totale sia di 851. Una differenza di 118 che potrebbe essere comprensibile solo nel caso in cui i documenti siano stati ritirati o accorpati ad altri per corrispondenza dell'argomento trattato, in fase di esame nelle commissioni.
Una curiosità: Dal momento della presentazione molti ddl si sono fermati nelle commissioni di merito per vari motivi, il primo dei quali potrebbe essere la mancanza di una adeguata copertura finanziaria. In totale sono rimasti impigliati nei lacci burocratici ben 651 ddl. 

Articolo pubblicato il 17 agosto 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Salvino Caputo
Salvino Caputo