Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Guida allÂ’estero, carta verde e permesso di circolazione
di Dario Raffaele

Esistono 2 modelli: Vienna 1968 (valido 1 anno) e Ginevra 1949 (3 anni)

Tags: Patente, Guida All'estero



CATANIA - La patente di guida è l’autorizzazione amministrativa necessaria per la conduzione, su strade pubbliche, di un veicolo a motore. Le categorie più diffuse sono la patente “A1”, che può essere conseguita a 16 anni e consente di guidare moto di cilindrata fino a 125 cc e la patente “B”, che si può conseguire dopo aver compiuto 18 anni e consente di guidare autoveicoli e motocicli di cilindrata non superiore a 125 cc.
 
In questo articolo vogliamo puntare l’attenzione su due casi di grande attualità in questo periodo di vacanza, ovvero, la guida all’estero e, caso più sfortunato, lo smarrimento o furto della patente.
In caso di furto e di smarrimento le prime cose da fare sono: denunciare l’accaduto alle Autorità di Pubblica Sicurezza entro 48 ore; se la patente risulta duplicabile è necessario portare due foto recenti al posto di Polizia che ha ricevuto la denuncia e un documento d’identità valido. La patente duplicata verrà spedita dal Ministero alla residenza dell’utente con posta assicurata, al costo di € 9,00, più le spese postali da pagare al postino che effettua la consegna; se la patente non è duplicabile, bisogna recarsi presso un ufficio della motorizzazione e presentare la richiesta di duplicato, allegando: il modello TT 2112 in distribuzione presso gli uffici; l’attestazione del versamento di € 9,00 sul c/c 9001 (bollettino prestampato in distribuzione presso gli uffici postali gli uffici della motorizzazione); il permesso di guida provvisorio rilasciato dagli organi di Polizia; due foto recenti formato tessera, delle quali una autenticata. 
 
Per guidare all’estero invece, nei Paesi che non sono firmatari delle Convenzioni internazionali ratificate dall’Italia, occorre munirsi di un permesso internazionale di guida.
Questo permesso è rilasciato dalla Motorizzazione Civile del luogo di residenza del richiedente, previa esibizione della patente di guida in corso di validità.
 
Le convenzioni internazionali in materia prevedono due distinti modelli di patente internazionale: il modello “Ginevra 1949” e il modello “Vienna 1968”.  Entrambi i permessi internazionali di guida sono attualmente ottenibili in Italia ; il modello “Vienna 1968”  ha una validità di 3 anni, mentre quello “Ginevra 1949” ha una validità di 1 anno, sempre nei limiti della validità della patente nazionale. Si segnala che alcuni Paesi (ad esempio Stati Uniti) riconoscono validità unicamente alle patenti internazionali conformi al modello “Ginevra 1949”.
 
Vi consigliamo, se guidate all’estero, di munirvi della carta verde che è un certificato di assicurazione internazionale che permette ad un veicolo di entrare e di circolare in un Paese estero essendo in regola con l’obbligo dell’assicurazione RCA (Responsabilità Civile Auto). I residenti in Italia possono richiederla al proprio assicuratore RCA. Non è necessaria nei paesi dell’Unione Europea ed in molti altri. Per sapere in quali Paesi è richiesta la carta verde, si può consultare il sito www.ucimi.it.  Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito del Ministero della Infrastrutture e dei Trasporti.

Articolo pubblicato il 18 agosto 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus