Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Tutte le ipocrisie sulle Ilva di Sicilia
di Rosario Battiato

Ambiente. Lo sviluppo dell’Isola e la salute dei cittadini.
Attualità. Il caso dell’Ilva di Taranto ha riacceso i fari sull’inquinamento nelle zone ad alta densità industriale e l’alto costo in salute pagato dalle persone di chi vive in quelle zone.
In Sicilia. Le bonifiche promesse con tanto di accordi ufficiali, mai partite, e le dichiarazioni in libertà di tanti politici e sindacalisti di turno stridono con la realtà di chi soffre ogni giorno.

Tags: Ilva, Inquinamento, Ambiente



PALERMO – Le campagne elettorali mostrano la spietata convenienza dei politici nostrani, ma non solo. Il caso Ilva è giunto a fagiolo, così in una regione dove il filoindustrialismo era una specie di religione civile, adesso si ricomincia a parlare di bonifiche, di morti per inquinamento, di responsabilità dei poli petrolchimici.
La stessa ipocrisia di chi non ebbe difficoltà ad appoggiare “senza se e senza ma” il rigassificatore di Melilli-Priolo in un'area ad alto rischio sismico dove esistevano già svariati impianti a rischio incidente rilevante. Adesso c'è chi tace e chi, evidentemente dotato di viso ancora più bronzeo, propone delicati equilibrismi tra bonifiche, lavoro e industria, così che a parole nessuno sia scontento. La classica ricetta alla siciliana, che a parole accorda tutti. Tanto, nei fatti, a morire sono sempre i soliti ignoti. (continua)

Articolo pubblicato il 30 agosto 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus