Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Roghi, stagione da dimenticare. In attesa del nuovo sistema
di Rosario Battiato

Il nuovo sistema di videosorveglianza pronto nell’estate 2014, ma non mancano le polemiche. I dati del Corpo forestale: 5mila interventi in un mese, record degli ultimi anni

Tags: Incendi, Corpo Forestale



PALERMO – La Sicilia ha il migliore modello antincendio d’Italia. Efficiente e preciso, potendo contare anche sugli oltre 7mila operai forestali, non potrebbe essere altrimenti per domare i roghi estivi di una regione dove l’evento doloso estivo è quotidiano tanto quanto i bagni a mare. Dal 15 luglio fino a ferragosto nell’Isola si sono resi necessari 5mila interventi. Eppure agire potrebbe essere più semplice e immediato se si procedesse in tempi celeri con il concorso gara per l’ammodernamento tecnologico per un nuovissimo e all’avanguardia sistema di videosorveglianza del territorio. Il periodo resta ipotetico perché ne parla dallo scorso anno, ma la commissione sta ancora valutando i progetti presentati da quattro grosse associazioni temporanee di impresa e una volta finito questo lavoro ci vorranno ancora 15 mesi, quindi, nella migliore delle ipotesi, se ne parlerà per l’autunno del 2013.

I tempi si allungano ancora per l’assegnazione dei lavori del sistema per l’ammodernamento tecnologico e potenziamento operativo del sistema di radio-comunicazione del Corpo forestale della Regione siciliana, che comprende l’installazione di una dorsale digitale pluricanale e la realizzazione di un sistema di videosorveglianza di nuova generazione a tutela del patrimonio boschivo e delle aree naturali protette. I quattro progetti presentati sarebbero – secondo quanto dichiarato al Qds da Pietro Tolomeo, dirigente generale del dipartimento regionale delle Foreste e del Corpo forestale siciliano – al vaglio della commissione, ma i tempi lunghi rischiano di trasformare un sistema potenzialmente all’avanguardia in una roba ordinaria. Una volta definito il progetto aggiudicatario ci vorranno, infatti, altri 15 mesi per la sua definitiva realizzazione.

Sull’operazione si addensano anche ombre inquietanti. Lo scorso 3 luglio il deputato regionale Roberto Corona (Pdl) ha presentato una risposta scritta ad interrogazione chiedendo lumi sull’appalto di forniture per il progetto visto che, tra le altre cose, in Lombardia un progetto similare con 450 siti trasmettitori (in Sicilia previsti solo 56 siti trasmettitori) e migliaia di terminali è costato meno di venti milioni di euro (secondo il bando costerebbe 35 milioni in Sicilia), con una spesa che proporzionalmente si configura come “un decimo dell’investimento previsto dal progetto della Regione siciliana”.

La risposta è stata affidata al dirigente del servizio, Salvatore Marranca, che ha specificato come la Regione Siciliana andrà a spendere complessivamente poco più di 21,5 milioni di euro (al lordo dei ribassi di gara) per la realizzazione di un nuovo impianto di radiocomunicazione digitale (comprensivo di circa 56 ponti radio e 1500 stazioni ricetrasmittenti fisse e mobili) che come previsto nel progetto preliminare avranno il requisito di poter funzionare in dual-mode con l’attuale rete analogica, contro i 20 milioni di euro che la Regione Lombardia ha speso “per la sola implementazione e ottimizzazione degli impianti già esistenti che coprono in ogni caso le sole aree antropizzate e non l’intera superficie territoriale come nel caso della dorsale siciliana”. La solita guerra di cifre, mentre la progettualità stenta a concretizzarsi.
 

 
Tolomeo: “Servizio efficiente. Commissione al lavoro sulla gara”
 
PALERMO - Pietro Tolomeo è il dirigente generale del Dipartimento regionale delle foreste e del Corpo forestale siciliano.
Si lavora da tempo al concorso gara di un sistema per l’ammodernamento tecnologico e potenziamento operativo del sistema di radio-comunicazione del corpo forestale della Regione siciliana, che comprende l’installazione di una dorsale digitale pluricanale e un sistema di videosorveglianza. A che punto siamo?
“Attualmente siamo in fase di affidamento, visto che sono stati presentati quattro progetti e la commissione li sta esaminando. Si tratta di grosse associazioni temporanee di impresa, come Telecom, e una volta affidato il progetto ci vorranno 15 mesi per la realizzazione dei lavori necessari”.
Intanto un’altra stagione nera per gli incendi.
“Quest’anno i piromani hanno voluto esagerare. Tra il 15 luglio e il 15 agosto abbiamo dovuto effettuare circa 5 mila interventi. In un solo giorno a Messina abbiamo avuto 90 chiamate contemporaneamente. Solo la tempestività e l’organizzazione del servizio hanno permesso di salvare il patrimonio boschivo isolano, anche perché il 98% dei roghi comincia in aree agricole e noi dobbiamo intervenire, anche se non è di nostra competenza, per evitare che si propaghi anche altrove”.



Il progetto: comunicazioni radio via digitale e più potenti
 
PALERMO – Originariamente si sperava che potesse essere pronto per l’estate in corso, ma, se tutto andrà bene e si agirà in tempi ragionevoli, a beneficiare del sistema per l’ammodernamento tecnologico e potenziamento operativo del sistema di radio-comunicazione del Corpo forestale della Regione siciliana, che comprende l’installazione di una dorsale digitale pluricanale e un sistema di videosorveglianza, sarà soltanto la bella stagione del 2014.
Qualora si realizzasse sarebbe una vera rivoluzione perché compirebbe “il passaggio delle comunicazioni radio dall’analogico al digitale” che ha interessato le comunicazioni del radiomobile pubblico (GSM, UMTS), e poi ha investito i sistemi radiomobili per i servizi di emergenza, nonché la radiodiffusione broadcast televisiva. Tra le necessità impellenti figurano l’aumento della copertura radioelettrica del territorio regionale, la necessità di aumentare la capacità di traffico, l’attivazione di una struttura centrale di trasporto a larga banda (dorsale regionale) in grado di supportare il collegamento diretto della Centrale Operativa regionale con le applicazioni locali e poi in generale il miglioramento del sistema di interazione con gli attori protagonisti delle emergenze regionali. Previsti, inoltre, la digitalizzazione delle reti radio provinciali per i radiocollegamenti sul territorio, con un ruolo fondamentale che sarà rivestito “dall’introduzione della dorsale regionale basata su ponti radio ad elevata capacità, in grado cioè di trasportare contemporaneamente una pluralità di canali”.
L’importo complessivo del progetto prevede 35 milioni di euro.

Articolo pubblicato il 30 agosto 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐