Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Le incompiute bruciano i fondi Ue
di Giuliana Gambuzza

Por 2000/06. Tra sprechi e ritardi i soldi “volano via”.
Fondi da restituire. I 254 milioni di tagli risulterebbero dalla somma di poco meno di 150 già riscossi e ora da restituire e di un centinaio che a Palazzo d’Orleans aspettavano di incassare ma non più riconosciuti.
Un catalogo molto costoso. Dei 150 mln a rischio, ben 34 e mezzo sono stati usati per il Catalogo unico dei Beni Culturali della Regione Siciliana e per pagare i 400 precari addetti alla sua realizzazione.

Tags: Unione Europea



Continua la saga dei finanziamenti usati poco e male che l’Unione Europea minaccia di togliere alla Regione. Si tratterebbe, secondo una lettera inviata dalla direzione della Politica Regionale della Commissione europea di 254 milioni di euro che fanno riferimento al Fesr (il fondo destinato allo sviluppo economico) del vecchio piano di spesa del 2000-2006.
Scenderebbero, quindi, a circa 2 miliardi e 240 milioni di euro i crediti da girare alla Sicilia. I 254 milioni di tagli risulterebbero dalla somma di poco meno di 150 già riscossi e ora da restituire e di un centinaio che a Palazzo d’Orleans aspettavano di incassare ma non più riconosciuti. E non è tutto: la revoca delle sovvenzioni – è riportato ancora nel documento a firma della Commissione europea – potrebbe estendersi ai 201 milioni di euro relativi a 1.027 opere da completare con la parte coperta dalle risorse nazionali. (continua)

Articolo pubblicato il 15 settembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐