Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Per i terremotati emiliani fondi-record: 670 mln di euro
di Redazione

Si tratta del più alto stanziamento mai deciso dal Fondo di solidarietà Ue

Tags: Terremoto, Emilia Romagna



ROMA - Cifra record da Bruxelles per l'Emilia Romagna colpita dalle violente scosse di terremoto del maggio scorso. Il commissario europeo per la Politica regionale, Johannes Hahn, ha annunciato la proposta di stanziare 670 milioni di euro, la somma più elevata mai decisa dal Fondo di solidarietà dell'Ue (Fsue), con l'obiettivo di coprire i costi di ripristino delle infrastrutture essenziali, di fornitura di alloggi e di servizi di soccorso e per proteggere il patrimonio culturale della regione.

“Dobbiamo aiutare questa regione - ha dichiarato Hahn, che a giugno si era recato in visita in Emilia Romagna - altamente produttiva a rimettersi in piedi. L'ammontare dell'aiuto è il maggiore mai erogato dal Fsue dalla sua istituzione nel 2002 e riflette l'entità dei danni provocati dal terremoto a migliaia di famiglie, alle loro case, ai loro mezzi di sostentamento e all'economia della regione in generale. La priorità è ridare un alloggio e sostenere le decine di migliaia di persone che hanno perso la casa in seguito a questo disastro epocale”.

L'Italia, ricorda l'esecutivo di Bruxelles, ha presentato una domanda di aiuto al Fondo nel luglio scorso, indicando danni diretti per 13,3 miliardi di euro, 3 miliardi di euro in più rispetto ai danni record provocati dal terremoto dell'Aquila, in Abruzzo, nel 2009. Questo importo rappresenta lo 0,86% del reddito nazionale lordo italiano e supera di quasi quattro volte le condizioni per la mobilitazione del Fondo di solidarietà, fissate a 3,6 miliardi di euro per l'Italia nel 2012.

La percentuale maggiore dei costi degli interventi urgenti (oltre 465 milioni di euro) si riferisce alla fornitura di strutture ricettive provvisorie per ospitare circa 43mila persone per un massimo di 3 anni. Quasi 90 milioni di euro occorrono per riparare le infrastrutture di base e oltre 60 milioni di euro è il costo dei servizi di soccorso.

“Voglio ringraziare la Commissione europea, in particolare il commissario per la Politica regionale Johannes Hahn e il vice presidente Antonio Tajani, per l'importantissimo contributo a favore della nostra regione e delle altre zone colpite dal sisma, frutto di una collaborazione e di un lavoro svolti insieme al Dipartimento nazionale della Protezione civile con le Regioni”, ha commentato il presidente dell'Emilia-Romagna e commissario delegato per la Ricostruzione, Vasco Errani.

“L'Europa - ha aggiunto Errani - ha riconosciuto l'importanza strategica della nostra regione per tutta l'economia italiana, valutando con la necessaria gravità i danni provocati dal terremoto a migliaia di famiglie, imprese, beni culturali. Sapremo gestire questi fondi, come ogni risorsa destinata alla ricostruzione, con la trasparenza e l'efficienza necessarie in questa difficile fase per la nostra comunità".

Anche il Governatore del Veneto, Luca Zaia, ha espresso soddisfazione e ringraziamento: “L'annuncio di un prossimo contributo deciso dalla Commissione Europea per sostenere il rapido ritorno alla normalità nei luoghi devastati dal terremoto in Emilia Romagna, Veneto e Lombardia - ha dichiarato Zaia -  apre la strada della speranza e della fiducia in una situazione di dolore e di devastazione”.

Articolo pubblicato il 20 settembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus