Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Reti idriche, la Ce bacchetta l’Isola
di Rosario Battiato

Commissione Ue: Sicilia ultima in Italia per investimenti. Ultimatum sui depuratori, devono essere realizzati entro il 2016. Gravi responsabilità di Regione e Comuni, hanno 1 mld da spendere in fretta

Tags: Acqua, Rete Idrica



PALERMO – Solo l'idea che diverse aree geografiche della Sicilia siano ancora con i servizi idrici che funzionano a singhiozzo dovrebbe sentenziare sullo stato penoso in cui versa il sistema isolano. Una situazione completata dalle reti colabrodo, depurazione a macchia di leopardo e infrastrutture generalmente vetuste, che non permettono un'adeguata gestione del bene che si disperde nelle condutture o che non viene adeguatamente raccolto nelle dighe che hanno una capacità limitata rispetto alla loro effettiva e originaria progettazione.
C'è una realtà da riorganizzare anche a fronte degli investimenti che erano stati originariamente previsti nei piani d'ambito e che, secondo gli ultimi aggiornamenti, in Sicilia sono al minimo nazionale. Siamo al solito paradosso: necessità di intervenire ma non si spende neppure per salvarsi. (continua)

Articolo pubblicato il 20 settembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus