Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Crisi: un conto corrente low cost introdotto dal decreto Salva Italia
di Pierangelo Bonanno

Dal 1° ottobre busta paga e pensioni rigorosamente corrisposti su C/C

Tags: Conto Corrente



PALERMO - Come indicato nel decreto Salva Italia, dal primo di ottobre la busta paga e la pensione non potranno più essere corrisposte in denaro contante, ma solamente facendo ricorso a strumenti di pagamento tracciabili, il provvedimento riguarda non solo i pensionati, ma anche i lavoratori che percepiscono assegno mensile d’importo superiore a 1.000 euro. In assenza di un conto corrente sul quale accreditare l’assegno mensile, l’Inps avrà la facoltà di trattenere le somme dovute.

Alla luce di quanto previsto, l’importo sarà versato solo dopo che verrà comunicato il codice iban del conto (bancario o postale che sia) all’Istituto previdenziale. Una volta concluso il mese di settembre, non saranno concesse ulteriori proroghe per l’adeguamento alle nuove normative.

Per venire incontro alle esigenze di quei pensionati ancora sprovvisti di un conto corrente dove poter accreditare la pensione, poste italiane e tutti gli istituti di credito offrono un conto base (introdotto dal Decreto Salva Italia), senza costi d’attivazione né di gestione.

Entrato in vigore a partire dal primo giugno 2012, questo conto corrente “low-cost” si rivolge principalmente a tutte le famiglie con reddito isee inferiore a 7.500 euro (conto A) e ai pensionati che percepiscono fino a 1.500 euro al mese (conto B). In particolare, il conto B è completamente gratuito (ad eccezione della sola imposta di bollo, che è carico del correntista) e prevede le seguenti operazioni: prelievi illimitati presso gli sportelli della propria banca (negli sportelli di altri istituti l’operazione è, invece, a pagamento); 12 prelievi di contante allo sportello; 6 richieste elenco movimenti effettuati sul conto; una carta bancomat inclusa (operazioni illimitate). I pensionati che desiderano richiedere il conto base devono recarsi presso uno sportello bancario o un ufficio postale e presentare entro il primo marzo di ogni anno l’autocertificazione che attesti il mancato possesso di un altro conto base e il proprio trattamento pensionistico (l’assegno mensile può arrivare fino a un massimo di 1.500 euro).
 
Occorre precisare che l’apertura del conto è soggetta alla valutazione dell’istituto di credito. Ne deriva che, se si superano i limiti di reddito previsti per l’esenzione, l’istituto (banca o ufficio postale) è tenuto ad avvisare il cliente in modo tale che quest’ultimo abbia il tempo necessario per recedere dal contratto, qualora lo desideri e senza dover pagare alcuna spesa aggiuntiva.

dott. Pierangelo Bonanno
collegio dei professionisti di Veroconsumo

Articolo pubblicato il 02 ottobre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐