Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lombardo ha vinto ma ora governi
di Carlo Alberto Tregua

Dare rapidità all’attuazione del programma

Tags: Raffaele Lombardo, Regione Siciliana



Nel tira e molla con Berlusconi, sono stati provvidenziali gli interventi palesi e occulti di Miccichè, Dell’Utri e Fini, i quali hanno fatto capire al premier che stava perdendo i consensi essenziali di tutto il Sud. Al di là dell’epilogo dei finanziamenti dovuti, la vicenda ha dimostrato che nelle otto regioni meridionali è emersa una sensibilità nuova per il Mezzogiorno e, cioè, la capacità della gente di capire quello che ha fatto la Lega Nord, e di capire i risultati che il partito di Bossi ha conseguito.
Se colà sono arrivate risorse a fiumi, squilibrando la politica degli interventi del Governo, i meridionali hanno preso atto che i modi rudi del senatur pagano. È perciò necessario fare così e ancora di più.

Raffaele Lombardo, Presidente dei Siciliani, ha vinto una mano, ma non la partita, la quale si fonda sull’esecuzione del suo programma politico dell’intera legislatura. Non sappiamo se egli andrà in ferie. Forse non dovrebbe. E neanche gli assessori, e neanche i deputati regionali. In Sicilia, abbiamo un ritardo macroscopico non più tollerabile. È necessario che tutte le istituzioni diano l’esempio lavorando giorno e notte, agosto compreso, per cominciare il faticosissimo recupero sui ritardi accumulati in sessant’anni, di cui hanno precise responsabilità le “debolezze” (e non forze) politiche che hanno governato la Cosa pubblica isolana stando attenti più alle proprie tasche che a quelle dei siciliani.
Vanno aperti subito migliaia di cantieri, tenuto conto che i Comuni sono 390 e ognuno di essi ne dovrebbe aprire più di uno. Ma i cantieri non si possono aprire se non si trasforma la mentalità complessiva dell’intera burocrazia, scegliendo fra i dirigenti generali quelli bravi professionalmente (e ve ne sono tanti), i quali come Enarchi mettano al primo posto il proprio dovere (conseguire risultati).
 
I consensi ottenuti da Lombardo alle ultime Europee (15,6%) costituiscono, da un canto, lo stimolo per aumentarli e, dall’altro, il rischio di perderli. Chi ha votato l’Mpa e la parte autonomista del PdL si aspetta risposte profondamente diverse dai comportamenti del passato. Risposte basate su atti di alto profilo sociale e professionale e soprattutto su risultati evidenti. Tutti i servizi devono migliorare e ciò può accadere solo se vengono messi in rete, acquisendo quella rapidità di esecuzione che finchè girano le carte non è possibile ottenere.
Gli editorialisti del Nord, che sono intervenuti nella vicenda dei Fas, sostengono con piena ragione che il problema del Sud è la qualità della spesa e altri sottolineano come la classe dirigente meridionale (e quella siciliana, noi aggiungiamo) ha l’enorme responsabilità di invertire i propri comportamenti, inserendo in essi altissimi tassi di efficienza e di efficacia per puntare ai risultati.

È ininfluente riesumare la Cassa per il Mezzogiorno, con le sue luci e ombre. O istituire un’Agenzia per il Sud. È sufficiente che i due sottosegretari siciliani (Miccichè con delega al Cipe e Reina con delega alle Infrastrutture) abbiano l’effettivo potere, politico e amministrativo, di fare il proprio mestiere. È poi necessario che la Regione nel suo complesso si metta a camminare a passo svelto, prima, e a correre dopo. Il tempo è diventato l’elemento determinante rispetto al passato. Chi non lo capisse, sarebbe fuori dal tempo.
Qui si tratta di non dividersi sulla questione di fondo: il recupero di tutti i fondamentali della Sicilia. Anzi, bisogna lavorare tutti insieme per conseguire l’obiettivo di una crescita più rapida di quella nazionale, in modo da portare il misero 5% del Pil nazionale rapidamente all’8%.
Non vorremmo che in questa necessità, per Lombardo e i suoi collaboratori, di lavorare giorno e notte, agosto compreso, si inserisse l’altra importante del Partito del Sud. Bene ha fatto il Presidente a delegare i suoi colonnelli nelle varie regioni, ma ora è necessario che le sue attenzioni e capacità vengano rivolte alla nostra Isola, per accelerare al massimo il processo di recupero.
Attento, Presidente, agli sgambetti degli “amici”. I tuoi nemici li conosci e li puoi fronteggiare.

Articolo pubblicato il 07 agosto 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus