Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Anche nella Pa siciliana arriva l’e-procurement
di Raffaella Pessina

Siglato ieri l’accordo tra la Regione, la Consip e il ministero dell’Economia. L’obiettivo è acquistare servizi attraverso sistemi informatici

Tags: Amministrazione, Internet, Informatica



Palermo - Al via da ieri l’accordo di collaborazione per lo sviluppo del sistema regionale di e-procurement tra il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Regione Siciliana e Consip Spa (società che opera ad esclusivo interesse dello Stato gestendo progetti e servizi a valore aggiunto – consulenziali, tecnologici e di project management – per la Pubblica Amministrazione sui temi dell’innovazione e della razionalizzazione della spesa) . L’accordo è stato firmato ieri a Palazzo D’Orleans, sede della Presidenza della Regione da Raffaele Lombardo e da Roberto Broggi della Consip. L’intesa rientra nel piano di creazione del “sistema a rete” previsto nella Finanziaria del 2007 e ratificato con un accordo firmato il 24 gennaio 2008 fra Governo, Regione e Province autonome. Nell’ambito del sistema a rete le regioni hanno la possibilità di costituire centrali di acquisto per la razionalizzazione della spesa attraverso l’utilizzo di sistemi informatici per l’acquisto di beni e servizi, come il Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione. In particolare in Sicilia la Consip realizzerà un progetto di centralizzazione degli acquisti. I benefici di questo piano si sono già verificati in occasione della realizzazione della prima gara telematica regionale sulla piattaforma del Mef (Ministero Economia e Finanze) per l’acquisto di farmaci. Tale iniziativa consentirà un risparmio complessivo di oltre 150 milioni di euro per il prossimo triennio e anche un notevole risparmio di tempo perchè le gare per la scelta dei farmaci si sono svolte interamente attraverso il sistema informatico ed in contemporanea per tutti i bandi. Un sistema che permette inoltre una maggiore trasparenza rispetto alle procedure precedenti. La Sicilia è la quinta regione che aderisce all’accordo con la Consip, che lavora già dal 2008 con Abruzzo, Toscana, Basilicata e Lazio. Sono in corso altre interlocuzioni con Veneto, Piemonte, Liguria e Calabria. L’attività di Consip è relativa allo sviluppo di ambiti sia interni che esterni dell’amministrazione regionale. Nel primo caso il supporto sarà relativo alla consulenza organizzativa e tecnica, mentre per quanto riguarda l’ambito esterno l’attività sarà inerente ad esempio al coinvolgimento e allo sviluppo del tessuto imprenditoriale locale, soprattutto nell’ottica di partecipazione al sistema del Mercato elettronico della P.A. Il piano di progetto affronterà in Sicilia diversi ambiti operativi:  supporto alla diffusione del sistema di e-procurement (acquisto di beni e servizi in modalità elettronica), promozione del Mercato Elettronico, centralizzazione degli acquisti, sviluppo di un sistema di controllo e monitoraggio della domanda attraverso l’analisi dei fabbisogni, adeguamento della normativa regionale di riferimento, trasferimento del know-how metodologico e procedurale e infine programma di comunicazione e formazione degli enti della Pubblica amministrazione.

Articolo pubblicato il 07 agosto 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus