Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Fondi per migliorare la qualità della vita
di Cettina Mannino

50 mln da destinare all’asse dell’edilizia abitativa, a quella della viabilità e più in generale ai miglioramenti delle aree urbane. Primo passo sarà la costruzione di 416 alloggi popolari in tutta l’Isola per una spesa di 40 milioni

Tags: Finanziamenti, Viabilità, Edilizia



PALERMO – Dopo il rimpasto della giunta di governo regionale, la corsa per l’approvazione dei progetti continua. Come in una staffetta, a fare da testimone tra l’ex assessore ai Lavori Pubblici della Regione Sicilia, Luigi Gentile, e l’attuale, Nino Beninati, è il progetto per il miglioramento della qualità della vita.
Si tratta di un programma di interventi di recupero finalizzati al miglioramento della qualità urbana ed interurbana dell’intera Isola. Il progetto coinvolge anche diversi assessorati.

Nel caso dell’assessorato ai Lavori Pubblici i finanziamenti ammontano a 50 milioni di euro e sono da destinare all’asse dell’edilizia abitativa, all’asse della viabilità e più in generale ai miglioramenti delle aree urbane. 
Il progetto rientra nell’ambito dell’Accordo di Programma Quadro e ha visto l’inizio dell’iter burocratico tre anni fa. Nel frattempo il piano ha subito una serie di ritardi di utilizzo a causa di impugnative e ricorsi. Fino a quando la rimodulazione dei criteri di riparto delle somme, assegnate su base provinciale, è stata approvata dalla giunta regionale e di conseguenza è stato firmato il relativo decreto che ha sbloccato lo stanziamento. Se da un lato, dunque, Gentile ha smosso una serie di meccanismi tra gli uffici per portare avanti il piano, fino al via libera sul finanziamento qualche giorno prima del suo cambio di assessorato, dall’altro Beninati si è già attivato per mettere in pratica l’opera.
Primo passo, tanto importante quanto atteso, è quello della costruzione di circa 416 alloggi popolari. La cifra stanziata, al momento, è di circa 18 milioni di euro, ma è stato previsto un totale di spesa di circa 40 milioni di euro. Intanto il progetto è alla prima fase di attuazione e non appena le opere saranno cantierate i fondi saranno sbloccati.

L’assessorato ai Lavori Pubblici, in accordo con i Comuni, gli Istituti autonomi case popolari e le Provincie siciliane ha, dunque, previsto la costruzione di 104 alloggi a Catania, 40 a Messina, 50 a Palermo, 9 ad Acireale, 16 ad Agrigento, 1 a Licata, 56 a Favara, 42 a Caltanissetta, 28 a Caltagirone, 10 a Leonforte, 21 a Piazza Armerina, 6 a Modica, 12 a Lentini e 21 a Marsala. Di questi;  undici sono progetti di completamento al programma costruttivo, 6 sono di recupero e uno, il progetto di Lentini, è di nuova costruzione. Per quanto riguarda invece l’avvio dei progetti per l’asse della viabilità la Regione Sicilia dovrà prendere accordi con l’Anas. Sarà poi la società, gestore della rete stradale ed autostradale italiana di interesse nazionale ad  occuparsi dell’aspetto infrastrutturale dell’Isola. Ma per il momento, oltre ai progetti già presentati, tutto è fermo per ripartire a settembre. “Ritengo -afferma l’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Nino Beninati- che il programma per il miglioramento della vita sia di grande importanza, non solo per il rilancio strutturale della nostra Isola ma, soprattutto per la ripresa dell’ economia”. Grazie all’approvazione dei fondi , infatti, si avrà la possibilità di aprire diversi cantieri in tutte le provincie della Sicilia.

Articolo pubblicato il 07 agosto 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Fondi per migliorare la qualità della vita -
    50 mln da destinare all’asse dell’edilizia abitativa, a quella della viabilità e più in generale ai miglioramenti delle aree urbane. Primo passo sarà la costruzione di 416 alloggi popolari in tutta l’Isola per una spesa di 40 milioni
    (07 agosto 2009)
  • Rinforzare la sinergia l’Anas per la viabilità - (07 agosto 2009)


comments powered by Disqus
Nino Beninati
Nino Beninati