Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Consuntivo: nuovo no dei revisori e adesso è corsa contro il tempo
di Melania Tanteri

Quaranta giorni al termine per presentare il Bilancio di previsione 2012, di cui il rendiconto è propedeutico. Il collegio ha evidenziato delle incongruenze riguardo ai crediti vantati dal Comune

Tags: Catania, Bilancio



CATANIA - Ancora un parere negativo sul Rendiconto 2011 del Comune di Catania da parte dei Revisori dei Conti. L’organo collegiale di revisione, infatti, chiamato dal commissario ad acta, Giuseppe Petralia, a relazionare sulla bocciatura del documento dello scorso 7 agosto, infatti, ha ribadito l’impossibilità di esprimersi positivamente per via della permanenza di alcune incongruenze, in particolare riguardo i residui attivi, ovvero i crediti vantati dal Comune.

Nonostante la documentazione prodotta dalle Direzioni proprio su richiesta dei revisori e dopo alcuni approfondimenti, nel corso dell’ultima riunione Natale Strano, Calogero Cittadino e Massimiliano Lo Certo, hanno ribadito il loro no, in particolare per quanto riguarda l’entità dei residui passivi riportati sul prospetto fornito dalla Direzione “Corpo Polizia Municipale “, difformi da quelli forniti dalla Direzione Ragioneria Generale” e al tempo stesso per la permanenza di alcuni errori nella contabilizzazione dell’entità dei debiti fuori bilancio, mantenendo anche le perplessità su alcune “irregolarità non sanate”, come definite nel verbale della riunione del 7 agosto in merito, tra le altre cose, alle società partecipate, alle anticipazioni di tesoreria, all’indebitamento e alla spesa corrente.

Tutto rimandato, dunque, per l’approvazione del rendiconto del 2011 e, di conseguenza, anche per l’approvazione del Bilancio di previsione per il 2012, di cui il consuntivo è propedeutico, che il Consiglio comunale dovrà approvare, per legge, entro il 30 novembre prossimo. Per lunedì sera, intanto, è stata convocata una seduta dell’assise cittadina per discutere proprio del rendiconto finanziario del 2011, ma sono in tanti in città a chiedere che l’amministrazione chiarisca la situazione una volta per tutte.

“I nodi vengono al pettine – hanno evidenziato i consiglieri comunali del Partito democratico – e la conferma del parere ‘non favorevole’, firmato da tutti e tre i revisori dei conti, ci spinge ancora una volta a chiedere all’amministrazione Stancanelli di assumersi le proprie responsabilità e dire chiaramente se non riesce a far quadrare i conti del Comune”.
Incertezza nei conti, dunque, mentre in città continuano le manifestazioni di disagio, con i dipendenti delle cooperative in presidio permanente in piazza Università perché non pagati da sette mesi e lo sciopero dei netturbini, fortunatamente rientrato dopo poco più di un giorno di protesta.


Il nodo. La Corte dei Conti chiede lumi suidebiti fuori bilancio

CATANIA - Anche la Corte dei Conti è tornata a chiedere conto e ragione sui conti del Comune, con particolare riferimento ai debiti fuori bilancio. In un documento, pubblicato da Livesicilia, infatti, l’organo di controllo torna a intimare al Comune di completare l’elenco dei debiti fuori bilancio, corredandolo di maggiori informazioni: in particolare, la Corte chiede di indicare le date in cui i debiti sono stati contratti, non riportate, e la tipologia del debito, nonché chiarire se sia stato rispettato l’ordine cronologico tanto per le procedure di riconoscimento quanto per i pagamenti. Niente di allarmante, però, per l’amministrazione che ha ribadito come da una parte l’attività di interlocuzione con la Corte dei Conti abbia carattere ordinario e come negli ultimi quattro anni, cioè a partire dall’insediamento del sindaco Stancanelli, sia stato invertita la rotta relativamente alla situazione debitoria, con il debito praticamente dimezzato e passato dai 450 milioni degli anni precedenti a 230 milioni attuali.

Articolo pubblicato il 20 ottobre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus