Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Bamboccioni da 429 milioni l’anno
di Roberto Quartarone

Quasi 59.000 studenti su 144.00 iscritti (40,6%) nelle quattro Università siciliane non sono in regola con gli studi. Lo Stato spende per loro 7.200 € l’anno. Alla Bocconi solo il 10,9% di fuoricorso

Tags: Elsa Fornero



Sono quasi 59 mila, è l’esercito di studenti universitari che si attardano e prolungano oltre il normale il proprio percorso di studi, diventando spesso un peso per le proprie famiglie e, sicuramente, un costo altissimo per le università italiane.
Facendo un calcolo semplice, basato sul dato medio della spesa dello Stato per ogni studente universitario (7.241 €), è ben 429 milioni di euro il peso di chi non si laurea in tempo. Catania e Palermo, i cui dati quasi si equivalgono, indicano che i “ritardatari” sono oltre il 40 per cento degli iscritti. All’Università di Messina risultano fuoricorso 37,2 studenti su 100. I più virtuosi sono gli universitari di Enna: oltre 1.600 fuori corso su 5.200 iscritti e percentuale che si attesta al31%.
Troppo rispetto all’esempio positivo rappresentato dalla Bocconi di Milano dove gli irregolari sono solo il 10,9%. (continua)

Articolo pubblicato il 24 ottobre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus