Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Crocetta alla prova del bilancio
di Lucia Russo

Eliminare l’avanzo di amministrazione e fissare l’equilibrio tra entrate e uscite a 16,3 miliardi, di cui 4,6 per investimenti. Altrimenti i commissari a maggio (art. 8 Statuto e 81, 120 e 126 Costituzione)

Tags: Rosario Crocetta, Regione Siciliana



Entro il 30 aprile 2013 dalla neo-Assemblea regionale siciliana occorrono 46 voti favorevoli ad approvare il bilancio preventivo (legge regionale di stabilità) 2013 del valore di 16,3 miliardi. Questa la priorità che dovrà impegnare il nuovo presidente della Regione, per i primi sei mesi di governo, o poco meno, a seconda del tempo che gli sarà necessario per scegliere gli assessori.
Un’impresa veramente ardua, considerato che tutte le buone intenzioni manifestate dallo stesso Crocetta e dal Movimento 5 Stelle non bastano, perché occorre un progetto ben articolato di riforme per una spending review da 3,6 miliardi di euro. Inoltre ci vuole buona conoscenza dei numeri della Regione per eliminare definitivamente la voce falsa dell’avanzo di amministrazione e formulare la nuova legge regionale di stabilità da 16,3 miliardi. (continua)

Articolo pubblicato il 31 ottobre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus