Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I partiti dopo-Lombardo
di Raffaella Pessina

Tags: Ars



Come si stanno muovendo gli altri partiti all'indomani dell'insediamento del Governatore? C'è chi come Marco Falcone del Pdl cavalca l'onda dei tagli ai costi della politica ed ha già pronto un ddl di modifica della legge che equipara l'Ars al Senato della Repubblica (l. r. 44/65). Lo “scorporamento dell'Ars” è una battaglia che da tempo il Quotidiano di Sicilia porta avanti e, se dovesse essere approvato, il provvedimento porterebbe finalmente a una svolta epocale.
 
Nel Pdl si dovrà ricomporre la polemica nata nei giorni scorsi tra Francesco Cascio da un lato e Salvino Caputo e Francesco Scoma dall'altro sul tema di chi deve dettare le linee guida del partito in Sicilia. Il segretario nazionale del Pdl Angelino Alfano ha telefonato a Cascio congratulandosi per la sua rielezione (è stato il più votato del Pdl in Sicilia).
 
Una telefonata che potrebbe essere il sintomo dell'appoggio da parte dei vertici nazionali a chi ha portato maggiori consensi. Grande Sud invece si slancia contro le dichiarazioni del Presidente Crocetta: “Dire che per aumentare l’occupazione in Sicilia è necessario innanzitutto eliminare ogni forma di spreco perpetrato in questi anni alla Regione – ha detto Giacomo Terranova, parlamentare nazionale - significa spostare l’attenzione dal vero problema. Il lavoro si crea attraverso politiche volte all’attrazione degli investimenti, ovvero liberando il mercato da tutti quegli ‘orpelli’ di una burocrazia onnipresente e opprimente”.
 
Nel movimento 5 stelle le donne elette all'Ars hanno affidato alla rete una lettera con la quale ci tengono a specificare di essere nel gruppo politico con la maggiore rappresentanza femminile. “Il risultato dai noi ottenuto è lo specchio delle tante le attiviste che da anni si spendono in prima linea per portare avanti questo coraggioso progetto di Cambiamento”. Sereni all'interno del Pd in attesa delle deleghe assessoriali da parte di Crocetta che, comunque , ha fatto sapere, non arriverano poi così tanto in fretta. "Non sarò frettoloso nel fare una giunta che dovrà durare cinque anni - ha detto Rosario Crocetta - e non sento alcun condizionamento politico. Tutti quanti si devono rendere conto che bisogna avere una giunta di alto profilo e di grande competenza".

Articolo pubblicato il 13 novembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus