Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Per la Giunta occorre una nuova tappa a Roma
di Raffaella Pessina

A tre settimane dal voto solo due assessori individuati da Crocetta. Per il gruppo Ars “Territorio” il capo sarà Nello Di Pasquale

Tags: Ars, Rosario Crocetta



PALERMO - Dovrà tornare a Roma la prossima settimana il presidente della Regione Rosario Crocetta per confrontarsi ancora una volta con i vertici del suo partito (Pd) e dell’Udc, per trovare i nomi che mancano per completare la squadra di governo. Nelle passate riunioni infatti non si è raggiunta ancora alcuna intesa.
 
Crocetta deve anche fare i conti con l’assenza di una maggioranza a Palazzo dei Normanni (possiede infatti 39 voti su 90 e ne servono ancora 7), anche se ha già dichiarato che lui porterà in Aula i disegni di legge contro gli sprechi e se i partiti non li voteranno, saranno loro che dovranno risponderne agli elettori.  In attesa della proclamazione dei deputati siciliani e della prima seduta d’Aula che, con ogni probabilità si terrà nella prima settimana di dicembre, il Presidente della Regione ha previsto per sabato prossimo una conferenza stampa alle 11.00 per sciogliere il nodo di Nicolò Marino, il Pm di Caltanissetta a cui ha chiesto di fare l’assessore all’Energia, ma che ancora non ha sciolto le riserve. “Sto verificando - ha detto Marino - la mia reale operatività su questo settore. E' una questione di onestà nei confronti della Sicilia, deve essere il mio un impegno fattivo per aiutare la nostra comunità. Un assessorato non si accetta in bianco, devo essere in possesso degli strumenti necessari per incidere in maniera concreta. è una scelta sofferta questa perché il mio mondo è e resterà sempre quello della magistratura”. Marino diventerebbe il terzo nome sicuro dopo quelli del cantautore Franco Battiato al Turismo e di Lucia Borsellino, la figlia del magistrato ucciso dalla mafia, alla sanità.

In Assemblea regionale si è riunito intanto il gruppo denominato “Territorio” in cui sono confluiti i deputati regionali eletti all'interno della lista Crocetta. Presenti Alice Anselmo, Gianfranco Vullo, Nello Di Pasquale, Marcello Greco, e Salvo Andò presidente del movimento. I parlamentari hanno indicato come capogruppo il ragusano Nello Di Pasquale. “Appena insediati – hanno detto i futuri parlamentari - provvederemo subito alla decurtazione dell'indennità di carica, rinunceremo ad eventuali rimborsi elettorali che riguardino il nostro gruppo, così come rinunceremo all’utilizzo di macchine blu e autista al seguito”.

Intanto le esternazioni del presidente Crocetta sull’esagerato numero di giornalisti alla Presidenza della Regione (21) hanno provocato le reazioni negative dell’istituto nazionale di previdenza sociale della categoria e di Michele Cimino di Grande Sud. Entrambi chiedono di rivedere tale intento. “La presa di posizione sui giornalisti dell’ufficio stampa della Regione - ha detto Cimino - mi sembra la classica foglia di fico per nascondere i veri sprechi: la conferma dei dirigenti esterni e una giunta di tecnici”. Questi ultimi in effetti vanno pagati ex novo, tranne Battiato, che ha già dichiarato pubblicamente di non volere alcun compenso.

Articolo pubblicato il 16 novembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Rosario Crocetta
Rosario Crocetta