Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Privacy a rischio con il download indiscriminato di App su tablet
di Redazione

Con la geolocalizzazione tramite il gps c’è il rischio di essere “spiati”

Tags: Smarthphone, App, Tablet



CATANIA - “App”: questo nuovo termine (che è l’abbreviazione di “applicazione”, identificando con esso il software scaricabile sui telefoni cellulari e sui tablet) è diventato oramai di uso comune.

Ma occorre fare molta attenzione quando si scaricano queste “app”; infatti – e chi le scarica non se ne accorge – con la geolocalizzazione tramite le coordinate GPS oppure i punti di accesso al WLAN, può essere tracciata la posizione del dispositivo mobile e, quindi, gli spostamenti dell’utente (nel linguaggio tecnico questo viene indicato con il termine di tracking); inoltre,  di fatto si finisce per cedere (inconsapevolmente) tutta una serie di dati sul proprio profilo e sui propri comportamenti particolarmente appetibili per alcune ditte pubblicitarie.

Infatti le “app” si prestano bene alla crescente smania degli operatori del settore di raccogliere dati personali. Queste “app”, peraltro, spesso fungono solo da facciata, nascondendo il loro vero scopo: quello di collezionare i dati dell’utenza: chi propone delle “app” spesso è collegato a ditte pubblicitarie che, in questo modo, acquisiscono una enorme quantità di dati.

Quindi, il traffico dei dati prospera ed il consumatore quasi sempre non se ne accorge neppure perché il c.d. “trattamento dei dati” è poco trasparente e le norme sulla privacy e sulla tutela dei dati vengono quasi sempre ignorate dal professionista.

Ma allora, come possiamo difenderci?
Ecco alcuni consigli:
- installate solo “app” di fonte fidata, magari documentandovi sui giudizi in rete;
- controllate i diritti di accesso durante l’installazione alla voce “impostazioni”: i cellulari con Android e gli apparecchi Apple permettono di fare questo prima dell’installazione; successivamente, tramite il menù “opzioni”, si possono disattivare i “servizi di geolocalizzazione”;
- fate attenzione alle “app” che chiedono troppe autorizzazioni sulle funzioni che offrono ed alle “app” gratuite;
- non cliccate sui link pubblicitari;
ricordatevi che alcuni cellulari permettono di bloccare i servizi di alcuni dati: questo può essere molto utile;
- disinstallate le app che non usate più.

Articolo pubblicato il 20 novembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus