Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Cantieri isolani, priorità alla mobilità interna
di Cettina Mannino

Dopo l’ok del Cipe, scatta la fase operativa per l’impiego dei fondi Fas: stanziati 953 mln di euro per i Lavori pubblici. Serviranno a finanziare sei nuovi lotti stradali, tre già in esecuzione, ma carenti di finanziamento

Tags: Cantieri, Infrastrutture, Cipe, Finanziamenti



PALERMO – Appena il Cipe ha annunciato lo stanziamento dei fondi Fas, l’assessorato ai Lavori Pubblici della Regione Sicilia Nino Beninati, si è subito attivato per avviare una serie di progetti, finora tenuti in scrivania per mancanza di denaro.
 Sul totale di 4 miliardi e 313 milioni di euro, sono destinati al dipartimento dei Lavori Pubblici, quasi un miliardo di euro, esattamente 953 milioni e 939 mila euro.Questi verranno spesi per il completamento o l’avvio di strade provinciali e autostrade di gestione Cas e Anas di tutta la Sicilia.
I fondi in pratica, serviranno ad avviare 6 nuovi lotti di opere già in corso ma non ancora finanziati ed a completare 3 lotti già in esecuzione, ma carenti di finanziamento. I fondi, ad ogni modo, saranno impegnati e utilizzati solo in funzione dell’avanzamento delle opere.

L’erogazione del finanziamento, verrà trasferito solo quando si procederà con l’appalto alla trasposizione in cantiere, all’avanzamento dei lavori e così via, secondo il preliminare di gara e il contratto d’appalto.
Ogni cantiere, in pratica, è diviso in trance di finanziamento, e solo quando, completata la prima tappa, si procederà alla seconda, i fondi si materializzano.
“La scelta, - afferma l’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Nino Beninati - fatta già da tempo dal governo della regione, è quella di lavorare per l’infrastrutturazione della Regione.
Solo attraverso una rete di collegamenti organica si potrà garantire lo sviluppo dell’Isola ed una tale rete deve contare, al tempo stesso, su ferrovie e su strade che garantiscano le esigenze di mobilità delle persone e delle merci. La viabilità interna, inoltre, è fondamentale per sfruttare al meglio la grande occasione che ci sarà offerta dal Ponte sullo Stretto”. Alcune delle opere più strategicamente rilevanti sono previste sulle autostrade Palermo-Messina e Siracusa - Gela di gestione Cas.Inoltre è prevista ad ottobre la consegna dei lavori Catania- Siracusa, Passo Martino, di competenza Anas.

Anche le strade statali, si trasformeranno in veri cantieri a cielo aperto. Fra questi, c’è la Palermo - Agrigento, il tratto Bolognetta- Manganaro.“La Sicilia - spiega Beninati- deve farsi trovare pronta quando il ponte vedrà la luce.
Per quanto riguarda l’impiego di queste somme, serviranno certamente a risolvere le criticità economiche nei cantieri già aperti per garantirne il completamento, a mettere in sicurezza ed ammodernare alcuni tratti delle principali autostrade siciliane che attendono questi interventi ed a finanziarie vari lotti di strade strategiche, per i collegamenti siciliani come la Nord Sud e la Catania - Siracusa. Abbiamo già avviato una ricognizione con il Cas e con l’Anas- continua- per sfruttare al meglio le risorse, anche valutando le somme che possono essere recuperate dai precedenti piani di investimento provenienti da precedenti fondi Fas, dai finanziamenti comunitari o da altre risorse erogate sempre attraverso il Cipe, ed in base alle opere che nel frattempo sono state completate, appaltate o in corso.
In questo momento, in materia di viabilità - conclude Beninati- possiamo certamente parlare di cantiere Sicilia”.

Articolo pubblicato il 12 agosto 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus