Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Flop siti Unesco, Regione siciliana immobile
di Andrea Carlino

Gravi ritardi nell’attuazione del Poin: a rischio 350 milioni senza i piani di gestione (ddl bloccato all’Ars). Il Ministro Barca: “Non rispettati i target di spesa”. A Noto -40% di visitatori

Tags: Turismo, Sicilia, Unesco



Un tragico e terribile destino per i siti siciliani dichiarati dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”: appena ottengono questo ambito ed importantissimo riconoscimento cadono in rovina (o rischiano di farlo).  
Attualmente l'Italia è la nazione che detiene il maggior numero di siti (47) inclusi nella lista dei patrimoni dell'umanità. Sei sono in Sicilia. Il primo sito isolano a rientrare nella lista fu la Villa Romana del Casale di Piazza Armerina. In totale adesso sono cinque materiali (la Valle dei Templi, le Isole Eolie, i complessi archeologici di Piazza Armerina, i siti e i percorsi del Barocco nella Val di Noto e i pregevoli giacimenti culturali di Siracusa, di Ortigia e di Pantalica) ed uno immateriale (l’Opera dei Pupi). Ma tutti versano in stato di crisi, perdono visitatori e non sono valorizzati per quanto meriterebbero.

Articolo pubblicato il 23 novembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus