Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Nella I seduta Ars presidente e segretari provvisori
di Raffaella Pessina

Il nuovo presidente eletto a scrutinio segreto e dai 2/3 in prima votazione. Ecco cosa prevede il regolamento per ogni nuova legislatura

Tags: Ars



PALERMO - Si avvicina la data della seduta inaugurale dell’Assemblea Regionale Siciliana che darà il via alla 16ma legislatura. Dopo le anticipazioni del presidente Crocetta sulla data del 4 dicembre, gli uffici dell’Ars sono in fibrillazione per i preparativi. In questa prima seduta durante la quale presiederanno un presidente e dei segretari provvisori, l’Assemblea eleggerà a scrutinio segreto il presidente dell’Ars, quello che rimarrà in carica per tutta la durata della legislatura, e in quella successiva due vice presidenti, i segretari dell’Assemblea e i questori. In seguito sarà il turno delle Commissioni legislative permanenti.
Sempre secondo lo Statuto i deputati dovranno prestare il giuramento di esercitare le proprie funzioni “con il solo scopo del bene inseparabile dell’Italia e della Regione”.

Elezione presidente dell’Ars
Sarà eletto presidente chi raggiunge la maggioranza dei due terzi dei componenti dell’Assemblea. Se nessun deputato otterrà tale maggioranza, si procederà ad una seconda votazione nella quale è sufficiente, per l’elezione, la metà più uno dei voti dei componenti dell’Assemblea. Se nessun deputato riporterà anche in questo caso la maggioranza, si procederà, nel giorno successivo, a una nuova votazione; risulterà eletto il candidato che avrà ottenuto la maggioranza assoluta dei voti. Qualora nella terza votazione nessuno riporterà detta maggioranza, l’Assemblea procederà nello stesso giorno al ballottaggio tra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti e viene proclamato eletto colui che abbia conseguito la maggioranza anche relativa.

Elezione componenti Consiglio di presidenza
Nella seduta successiva si procede alla elezione degli altri componenti il Consiglio di Presidenza e cioè: due vice presidenti, tre questori e cinque segretari. Dei due vice presidenti, uno sarà di maggioranza e l’altro di opposizione.

Commissioni legislative
In seguito vi sarà anche la nomina delle Commissioni legislative permanenti (6), che spetta all’Assemblea, che può anche decidere la nomina di Commissioni speciali per l’esame di determinati disegni di legge e di Commissioni d’indagine e di studio su materie e argomenti specifici. La nomina dei membri delle Commissioni speciali spetta al Presidente dell’Assemblea. Al loro interno vengono eletti un presidente, due vice presidenti e un segretario. All’inizio di ogni legislatura, l’Assemblea istituisce la Commissione parlamentare d’inchiesta e vigilanza sul fenomeno della mafia in Sicilia.

Gruppi parlamentari
E ancora, sarà la volta della costituzione dei gruppi parlamentari- Entro cinque giorni dalla prima seduta dopo le elezioni, i deputati devono comunicare a quale gruppo parlamentare intendano appartenere e ciascun gruppo deve essere costituito da almeno cinque deputati, anche se l’Ufficio di Presidenza può autorizzare la costituzione di un Gruppo con un numero inferiore ad alcune condizioni (essere stati eletti in almeno due circoscrizioni, e rappresentare partiti o movimenti organizzati nell’intera Regione e/o abbiano rappresentanza, organizzata in gruppi parlamentari, al Parlamento nazionale).

Articolo pubblicato il 24 novembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus