Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Evame, un’app segnala eventi su misura
di Antonio Leo

Lo startupper ed ideatore Andrea Cannella: “L’utente viene informato sulle iniziative più interessanti per i suoi gusti”. In due settimane oltre 700 downloads sullo store Apple per l’applicazione made in Catania

Tags: App, Evame, Andrea Cannella



CATANIA – In molti, oggi, si chiedono che cosa sia una startup. È un’impresa? Beh, sì. È un’idea innovativa? Anche. È la fase iniziale di un progetto aziendale? Assolutamente. Ma allora cosa differenzia queste startup dalle imprese tradizionali? Probabilmente per un requisito comune ai nuovi “self made man”, e cioè la capacità di trovare soluzioni, rispondere a un problema e facilitare la vita delle persone. È questo l’intento anche di Evame, applicazione made in Catania che lega i gusti degli utenti con gli eventi. Mai più dovrete esclamare quell’odiosa frase ricorrente tra le nuove generazioni “stasera non c’è nulla da fare”. L’idea è venuta ad Andrea Cannella, giovane 23enne che al QdS si auto definisce un “It addicted” (per i non avvezzi a questo linguaggio significa uno con il pallino dell’informatica). Viene da Scicli, ma alle falde dell’Etna, complice probabilmente il boom di amanti dell’hi-tech, ha trovato la sua dimensione. Laureato in informatica, nell’aprile del morente anno stringe un sodalizio con Davide Marano e Matteo Russo. Allo scorso Startup weekend di Catania lanciano il loro progetto, arrivando tra i nove finalisti, e riscuotendo diversi apprezzamenti. Da quel momento si dedicano anima e cuore allo sviluppo e alla commercializzazione di Evame.

In che consiste Evame?
“Evame è una piattaforma integrata (sia web che mobile) di condivisione di eventi, con al centro gli interessi dell’utente. Quest’ultimo viene informato sugli eventi più ‘interessanti’ per lui. La nostra applicazione risponde a quel bisogno di trovare gente fuori dalle proprie cerchie. Facciamo un esempio. Sto organizzando un evento legato all’informatica qui a Catania. Tramite Evame posso scegliere di notificarlo a tutti gli appassionati di tecnologia che si trovano nelle vicinanze. Sicuramente è una pubblicità con un ritorno d’investimento più alto dei mezzi tradizionali proprio perché mirata a un target specifico. Ponendoci dalla parte dell’utente, supponiamo di trovarci senza avere qualcosa di concreto da fare. Cosa fare stasera? Beh, Evame! Ho voglia di seguire un corso di tecnologia? Evame! Mi trovo a Milano e non so cosa fare? Ormai conosciamo la risposta… Insomma gli scenari d’uso sono ‘infiniti’”.

Siete già strutturati come società?
“Poiché Evame è un investimento che stiamo al momento auto finanziando, abbiamo preferito risparmiare i soldi da investire in burocrazia varia puntando sul marketing del prodotto. Quindi attualmente non siamo organizzati giuridicamente. Il nostro è un progetto che è stato incubato dalla M2D Technologies. Abbiamo quindi una sede e una società di riferimento. Un domani, se i numeri ci daranno ragione, nascerà la Evame Srl”.

Siete già sul mercato?
“Sì. Al momento la nostra applicazione si può scaricare solo sui sistemi operativi Ios (cioè il sistema su cui girano i dispositivi griffati Apple, nda). Ci trovi nello store Apple”.

Da quanto tempo siete su App store e qual è il bilancio dei downloads?
“Siamo nell’Itunes Store ancora da poco, circa 2 settimane. Abbiamo avuto circa 700 downloads. Numero che tenteremo di decuplicare sfruttando l’ondata natalizia”.

Il vostro progetto è finito o prevedete di implementarlo?
“Ovviamente il progetto non è finito. Mancano alcune implementazioni lato web, manca Android e, anche se ancora è forse un po’ prematuro, manca Windows Phone. Abbiamo pianificato l’uscita di Android per febbraio 2013. Ma abbiamo già in mente tante altre evoluzioni di Evame come prossime release”.

Avete partecipato a delle competizioni?

“Sì, abbiamo partecipato a Working capital Catania e siamo stati tra i team vincitori. Ma ancora Evame era soltanto un’idea, quindi abbiamo preferito concentrarci sul prodotto e non partecipare ad altre competizioni che ci sarebbero state nel breve termine. Nel 2013 torneremo a prendere parte agli eventi dedicati alle startup”.

Quali sono gli obiettivi per il futuro?
“Bella domanda! Sicuramente dobbiamo completare il prodotto. Come ti ho già detto mancano ancora alcuni segmenti del mercato mobile interessanti, come Android, per il quale abbiamo avuto anche molte richieste lato utente. Quindi esplodere nel mercato nazionale prima e mondiale poi. E ovviamente prima di tutto questo strutturarci come impresa. E cercare qualche ‘angelo’ (investitore, nda) della finanza che creda in noi e nelle nostre idee e skills. Sicuramente Evame è una bella esperienza di impresa e comunque vadano le cose, ci sta lasciando un segno (positivo, s’intende)”.

Articolo pubblicato il 14 dicembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Il team di Evame (aleo)
Il team di Evame (aleo)