Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

3Sun, dalla Commissione europea finanziamento di 24,5 mln per il sito etneo
di Redazione

Fondi strutturali, la Commissione europea ha approvato l’investimento. Saranno prodotti 240 MW all’anno di fotovoltaico a film sottile

Tags: 3sun



CATANIA - La Commissione europea ha approvato un investimento di 24,5 milioni di euro di fondi strutturali per un impianto industriale a Catania, dove verranno prodotte cellule e moduli fotovoltaici basati sulla cosiddetta tecnologia a strato sottile. Il progetto permetterà di produrre nell'impianto etneo 240 MegaWatt all'anno di cellule e moduli fotovoltaici basati sulla tecnologia delle cellule multigiunzione con film di silicio sottile; tali cellule dovranno poi servire per produrre energia solare per uso domestico e industriale.

“Il finanziamento di progetti di questo tipo rientra nel quadro di una politica regionale moderna e rivolta al futuro come la nostra - dice il commissario per la politica regionale Johannes Hahn -. Noi puntiamo a sostenere l'eccellenza in questo settore e vogliamo contribuire a trasformare delle eccellenti idee in opportunità economiche per la regione. Questo progetto non solo farà nascere nuovi posti di lavoro nella regione, ma aiuterà anche l'Italia a rispettare i propri obblighi in materia di promozione dell'energia rinnovabile".

L'investimento è reso possibile dal programma "Energie rinnovabili ed efficienza energetica" riservato alle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. L'Unione europea, tramite il Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), contribuirà al progetto catanese con poco più di 24,5 milioni di euro.

L'investimento totale per l'intero programma, compresi i fondi nazionali, si aggira sui 537 milioni di euro.
"Il progetto - sottolinea la Commissione europea - contribuirà a rafforzare il sistema produttivo italiano nel settore della tecnologia delle energie rinnovabili e a creare e tutelare posti di lavoro altamente qualificati. Circa 243 posti di lavoro verranno infatti preservati in seno alla joint venture 3SUN, cui vanno aggiunti 151 nuovi posti di lavoro che verranno creati nei prossimi anni. Una volta realizzato per intero, il progetto contribuirà alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra grazie alla commercializzazione di moduli per la produzione di energia elettrica da fonte solare".

3 SUN S.r.l., la società che beneficerà di questo investimento, è una joint venture di Enel Green Power, Sharp Corporation e STMicroelectronics. Si occupa di produzione integrata di cellule e moduli fotovoltaici destinati all'installazione di impianti fotovoltaici per uso domestico e industriale. Il progetto sarà realizzato in un'unita' di produzione esistente presso un sito industriale di Catania.

La somma copre i lavori di costruzione, l'acquisto di macchinari, l'espansione degli impianti elettrico, meccanico e chimico esistenti nonché l'acquisizione, da parte di Sharp Corporation, di licenze per l'uso esclusivo della tecnologia nell'unità di produzione M6.

La Commissione precisa che seguirà "l'attuazione di questi progetti molto attentamente" e "affianca le autorità nazionali per garantire che gli investimenti dell'UE siano impiegati in modo ottimale".
Nel periodo 2007-2013 l'Italia ha ricevuto 28,8 miliardi di euro in investimenti nell'ambito della politica di coesione.

Articolo pubblicato il 20 dicembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐