Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Il flop del turismo congressuale
di Michele Giuliano

Nel 2011 quasi 70 milioni di euro in fumo per eventi cancellati a causa delle carenze strutturali della Sicilia. Poche strutture ricettive adeguate, alcune delle quali lasciate per anni a marcire

Tags: Turismo



PALERMO - Il turismo congressuale, per la Sicilia, rappresenta l’ennesima occasione di sviluppo buttata al vento. Un’altra grande occasione non sfruttata per un territorio che avrebbe tutte le carte in regola per sfruttare le proprie risorse per far volare l’economia ma non riesce a farlo.
A certificare questo flop sono i numeri e i confronti con le grandi capitali europee del turismo, con cui si perde miseramente il confronto a distanza.
Solo nel 2011 sono stati persi circa 70 milioni di euro per eventi cancellati a causa di varie carenze strutturali e di un’offerta non all’altezza. Il tutto anche a causa della mancanza di un soggetto in grado di mettere in rete tutte le strutture congressuali presenti in Sicilia per potenziare e pubblicizzare l’offerta isolana anche al di fuori del territorio nazionale. (continua)

Articolo pubblicato il 20 dicembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus