Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Motociclette, scooter e minicar. Dal 2013 al via le nuove regole
di Andrea Carlino

Il governo Monti recepisce le direttive europee in materia di patenti

Tags: Patente, Scooter



CATANIA - Con il nuovo anno, per la precisione dal prossimo 19 gennaio, ecco le nuove regole, più severe, per guidare le “due ruote”. Il Consiglio dei Ministri, prima di Natale, ha approvato il decreto legislativo col quale recepisce ed adatta all’ordinamento italiano (il Codice della Strada) le direttive europee in materia di patenti.

Un decreto che vuole portare maggiore sicurezza visto che gli ultimi dati non sono incoraggianti. Secondo Aci, in Italia nel 2012 le vittime della strada sono state 3.800 e i motociclisti hanno versato un contributo pesante, 500 morti.
Una delle nuove normative riguarda la possibilità di guidare una moto di cilindrata superiore (oltre i 35 kW): dal 2013 si dovrà aspettare di aver compiuto i 24 anni (al momento i 21 anni), oppure aver svolto almeno due anni di pratica con la patente A2 su una moto di potenza non superiore i 35 kW.

Altra novità quella delle moto depotenziate: non si possono più guidare moto depotenziate originariamente dalla potenza superiore i 70 kW, mentre è permesso mettersi in sella a moto di massimo 35 kW con un rapporto peso/potenza massimo di 0,2 Kw/kg (il limite in vigore fino al 19 gennaio 2013 è di 25 kW). È possibile usare una moto fino a 35 Kw per sostenere l’esame, a patto che si siano compiuti i 21 anni.

Nuove regole, serrate, anche per gli aspiranti conducenti di ciclomotori e minicar. Entrambi dovranno infatti conseguire una patente a tutti gli effetti che sostituirà l'attuale “patentino”: la AM. Chi dal prossimo 19 gennaio sarà sorpreso a guidare un ciclomotore o una minicar con il solo patentino, sarà quindi sanzionato. Una regola, questa, che vale però solo per i maggiorenni.

Tra le altre novità c’è la soppressione dei corsi di guida nei licei, possibilità finora molto apprezzata dagli studenti soprattutto perché notevolmente più economica rispetto alle tariffe delle autoscuole, a volte esose.
Sorpresa amara anche sul fronte sanzioni: dall’entrata in vigore del decreto, infatti, i ragazzi al volante di ciclomotori e minicar subiranno la decurtazione doppia dei punti se posseggono il Cig o la patente AM da meno di tre anni. Introdotti limiti di velocità per i neopatentati titolari di patente A ed A2: 100 km/h (in autostrada) e 90 km/h (strade extraurbane) da rispettare nei primi tre anni.

Articolo pubblicato il 29 dicembre 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus