Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Polveri sottili, a Siracusa soglia sforata per 321 giorni su 365
di Giuseppe Solarino

I dati ambientali Istat: nel capoluogo aretuseo preoccupano i valori sulla qualità dell’aria. Migliora Palermo, giù Catania: le nostre città agli ultimi posti per eco-compatibilità

Tags: Inquinamento, Istat



SIRACUSA - Sono stati presentati dall’Istat i risultati della rilevazione “Dati ambientali nelle città”, sugli indicatori ambientali urbani per l’anno 2008 relativi ai 111 comuni capoluogo di provincia italiani. Dai dati emerge che nel 2008 è migliorata la qualità dell’aria, malgrado il numero di giorni di superamento del livello per il PM10 (particolato con diametro minore di 10 micron) sia ancora elevato, rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente che prevede 50 microgrammi/metro cubo di PM10 ed un superamento di detto valore fissato in un massimo di 35 giorni/anno (D.M. 60/2002).
Infatti, nei 100 Comuni che effettuano il monitoraggio del PM10, le centraline preposte al controllo della qualità dell’aria hanno registrato mediamente un numero di superamenti del limite massimo pari a 60,6 giorni, con un decremento del 16,8% rispetto all’anno precedente, ma sempre molto al di sopra dei 35 consentiti. Una diminuzione dovuta “probabilmente sia a fattori meteo-climatici sia all’attuazione di politiche restrittive volte a limitare la circolazione di veicoli più inquinanti”. Un miglioramento, rispetto all’anno precedente, osservabile in quasi tutto il Paese: con meno 28,7% al nord e meno 9,5% al centro, con l’eccezione del Mezzogiorno che segna un più 17,0%.

Sono i 66 comuni capoluogo che nel 2008 hanno superato la soglia di 35 giorni di sforamento annui oltre cui sono necessarie misure di contenimento e prevenzione. Rimangono situazioni di criticità in particolare a Siracusa, ove si sono registrati 321 giorni di superamento dei limiti previsti su 365, cui pertanto viene riconfermata, per ulteriore peggioramento, la maglia nera che già deteneva nel 2007 quando i giorni erano stati invece 273.
Tra le città con più di 250 mila abitanti vi è una sensibile riduzione a Palermo (-40 giorni) rispetto alle rilevazioni del 2007 ed un aumento per Catania (+21).
Nella classifica stilata dall’Istat fra gli ultimi 10 comuni capoluogo di provincia, per maggiore attenzione all’eco-compatibilità, figurano Catania al 106° posto (come nel 2007), Enna al 107° (110° nel 2007) e Siracusa penultima al 110° (109° nel 2007). Per quanto riguarda la disponibilità di centraline fisse, fra i 9 comuni che non ne possiedono o che le hanno difettose figurano Ragusa e Trapani.
Nel processo di pianificazione e governo del sistema dei trasporti urbani, il Piano urbano del traffico veicolare (PUT) per i Comuni costituisce uno strumento tecnico-amministrativo finalizzato a migliorare le condizioni di circolazione e della sicurezza stradale, alla riduzione degli inquinamenti acustico e atmosferico e al risparmio energetico, in accordo con gli strumenti urbanistici vigenti e con i piani di trasporto, nel rispetto dei valori ambientali, stabilendo le priorità e i tempi di attuazione degli interventi. Tuttavia fra i Comuni con più di 250 mila abitanti non lo hanno approvato solo Catania e Palermo.

Per quanto riguarda il verde pubblico Palermo, con il 36,6 %, presenta alte percentuali di verde urbano sulla superficie comunale piazzandosi al 2° posto nazionale. Per la raccolta differenziata i capoluoghi siciliani sono agli ultimi posti: Ragusa 12,9%, Trapani 11,4%, Caltanissetta 11,0%, Catania 10,1%, Siracusa 7%, Enna 5,4%, Palermo 4,6% ed ultima Messina con il 3,1%.
Tra i grandi comuni, quella che in Italia raccoglie la maggior quantità di rifiuti urbani è Catania (784,0 kg per abitante). Nel 2008, Agrigento è risultato il comune con il consumo annuo pro capite di acqua più basso (35,6 m3).
Facendo riferimento alla percentuale media di popolazione servita da impianti di depurazione delle acque reflue urbane, tra i comuni che hanno migliorato la copertura nell’ultimo anno figurano Siracusa e Trapani.

Articolo pubblicato il 14 agosto 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus


´╗┐