Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Evasione, redditi inaccessibili
di Antonio Leo

Un decreto annacquato. Attuato il provvedimento di Tremonti che permette ai Comuni di rendere disponibili su propri siti le dichiarazioni “organizzate per classi di reddito”.
Il diktat del Garante. Quando nel 2008 il governo Prodi pubblicò i 730 dei cittadini, l’Autorità della Privacy sancì l’illegittimità della pubblicazione dei dati.

Tags: Evasione, Fisco



PALERMO – Che debbano restare segrete o che possano diventare pubbliche, le dichiarazioni dei redditi restano al centro di una guerra a colpi di leggi e tribunali, iniziata nel lontano 2008 dall’ex ministro Visco. La questione, però, è tornata d’attualità, dividendo ancora una volta il Paese. In molti agitano lo spettro del regime tributario, ma d’altro canto non si può negare che l’evasione in Italia ha raggiunto vette inaudite e troppi cittadini campano a spese di altri. Ma di trasparenza dei dati reddituali neanche a parlarne, se non per alcune informazioni aggregate per categorie, che i Comuni dovrebbero pubblicare sui propri siti. Dati buoni, però, solo per “ricerche sociologiche o operazioni di marketing”, come afferma, con una punta di ironia, qualche sindaco. Una marcia indietro iniziata con Berlusconi e conclusasi con Monti. (continua)

Articolo pubblicato il 16 gennaio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐