Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Crocetta contro Mps e Gs per l’alleanza con la Lega
di Raffaella Pessina

In commissione Lavoro Ars, l’assessore Scilabra ha esposto il suo programma. Fallica risponde: “Il problema è l’incapacità dei governi”

Tags: Ars, Rosario Crocetta



PALERMO - Discussione ieri in Aula a Palazzo dei Normanni della mozione per l’abolizione dell’Arsea, l’Agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura, primo firmatario Nino Germanà del Pdl, che intervento in Aula ha dichiarato che, dopo le dichiarazioni del presidente Crocetta sulla intenzione di dismettere l’Ente in oggetto, vi è stato un repentino cambio di direzione del Governo, che ha avviato un bando per reclutare 90 dipendenti e mantenere un carrozzone che costa 160.000 euro all’anno.

È piaciuta al Partito Democratico la relazione svolta dall’assessore al Lavoro Scilabra in commissione di merito all’Assemblea regionale siciliana. Ieri mattina infatti, nel corso di un’audizione, l’assessore ha illustrato i principali punti del suo programma. Mariella Maggio (Pd), vice presidente della Commissione lavoro, ha mostrato apprezzamento dichiarando: “Sosterremo con convinzione il programma che è apparso convincente, ma bisogna passare presto dagli annunci ai fatti. Ci è piaciuto - ha proseguito Maggio - L’intenzione di proporre una legge organica sulla ricerca e il piano della messa in sicurezza degli edifici scolastici”. Nel corso della riunione si è discusso anche di formazione professionale ed è stata sottolineata la necessità di avviare una riforma organica che possa ampliare l’offerta e tracci un collegamento tra scuola, formazione, imprese e mercato del lavoro. Evidenziata anche la possibilità dell’utilizzo delle risorse offerte dall’Europa, a cominciare dal “Piano giovani”, con le risorse del Fse. Tra i temi discussi anche quello del ridimensionamento dell’organico degli istituti scolastici.

Ieri mattina si è tenuta una riunione anche in Commissione attività produttive per discutere della vertenza Aligrup. Erano presenti le diverse sigle sindacali regionali, nonchè i rappresentanti dell’assessorato regionale alle Attività produttive con i quali sono stati affrontati i nodi principali della vertenza: la richiesta all’assessorato Lavoro di seguire la domanda di cassa integrazione straordinaria inviata al Ministero competente e di verificare la disponibilità da parte delle altre sigle della grande distribuzione organizzata di acquisire, separatamente, i gruppi vendita Aligroup in Sicilia. Il Governo ha mostrato grande attenzione nei confronti della vicenda.

Sul fronte politico botta e risposta tra il presidente della Regione Rosario Crocetta e il segretario regionale di Grande Sud Pippo Fallica. Crocetta è intervenuto duramente in occasione delle alleanze in vista delle prossime elezioni nazionali dichiarando che “La Sicilia sicuramente non si difende facendo l’alleanza con la Lega nord. La scelta di Grande sud, scontata da tempo - dice in una nota Crocetta - e di Mps, di sostenere Berlusconi, coincide con l’apparentamento di tante liste con quella della Lega. Una scelta di totale incoerenza rispetto ai percorsi avviati nella precedente legislatura e, non vale invocare eventuali chiusure di Tabacci, rispetto alle candidature di tali forze, poiche’ esse si sarebbero potute presentare al Senato persino da sole, o con alleanze sicuramente non riconducibili al rapporto con la Lega”. Gli risponde Fallica: “Il problema della Sicilia non è la Lega Nord ma la patologica incapacità dei suoi governi, soprattutto quello in carica, a porre in essere delle misure di carattere strutturale in grado di rendere la nostra terra competitiva e fortemente attrattiva per gli investitori. Solo così sarà possibile creare sviluppo e nuova occupazione. La Sicilia si difende facendola crescere”.

Articolo pubblicato il 16 gennaio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus