Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ars 88 milioni più del Consiglio Lombardia
di Raffaella Pessina e Lucia Russo

I tagli di Cascio e Ardizzone non bastano: 157,2 mln è la spesa corrente del parlamento più caro d’Italia. Ogni siciliano paga 31,4 euro l’anno contro 6,8 del cittadino lombardo

Tags: Ars



I tagli di Cascio, ex presidente Ars, e Ardizzone, presidente dell’attuale sedicesima legislatura non bastano. Poco più di undici milioni di euro di risparmi, ancora meno dei sedici milioni che avremmo risparmiato applicando i tagli del decreto Monti convertito nella legge 213/2012. Già nell’inchiesta dello scorso venerdì 11 gennaio abbiamo illustrato la conseguenza della mancata applicazione del decreto Monti. Oggi evidenziamo che i tagli di Monti non bastano a eliminare anni di privilegi gonfiati sempre più in Sicilia, tanto che il parlamento continua a costare ben 88 milioni di euro più del Consiglio della Lombardia, che pure rappresenta una popolazione pari al doppio di quella della Sicilia.
Ecco così che a noi siciliani mantenere il parlamento regionale costa cinque volte di più che a un cittadino lombardo. (continua)

Articolo pubblicato il 17 gennaio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus