Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Candidature, giallo Pdl in Campania e Sardegna
di Redazione

Voci: “Cosentino, escluso, avrebbe fatto sparire le firme”. Replica: non è vero

Tags: Elezioni



ROMA - Elezioni nazionali del 24 e 25 febbraio, è caos nel Pdl per la presentazione delle liste in Campania. Nel momento in cui questo articolo viene chiuso in redazione, si apprende che sarebbero sparite le liste con gli atti di accettazione delle candidature per il Senato e per la circoscrizione Campania 2 alla Camera. Per poter consegnare le liste entro le 20 di ieri sera si sono nuovamente raccolti in fretta e furia le firme dei candidati. I candidati del Pdl sono stati impegnati in una corsa contro il tempo: chi era a Roma stava cercando di tornare il più rapidamente possibile a Napoli per poter firmare nuovamente l'accettazione della candidatura.

Alle 19, risultavano depositate le liste di: Piemonte 1; Piemonte 2; Lombardia 2; Lombardia 3; Veneto 1;Veneto 2; Friuli; Liguria; Emilia Romagna; Toscana; Umbria; Molise; Basilicata; Sardegna; Estero - Europa;Estero - America sett. e centrale;Estero - Africa, Asia, Oceania e Antartide.

Il commissario regionale del Pdl della Campania, Francesco Nitto Palma, poco prima delle 18 è arrivato alla Corte di Appello, sede dove si presentano le liste per le elezioni politiche di Campania 1 e Senato. Nitto Palma è entrato nella sede della Biblioteca e i dipendenti hanno fatto allontanare i giornalisti presenti. Prima, si era diffusa la notizia relativa a una presunta sparizione delle liste elettorali della Campania. Escluso dopo una lunga trattativa, Nicola Cosentino per protesta avrebbe preso i documenti per la sottoscrizione delle candidature.  I vertici del Pdl hanno negato l’indiscrezione: “è destituita di fondamento”.

Anche in Sardegna, si è tinta di giallo la presentazione delle liste del Pdl per la Camera, che è stata ammessa con riserva in quanto mancherebbero i documenti relativi alla candidatura di Piero Testoni, deputato uscente, e sesto in lista. Confermati, in toto, i nominativi degli altri candidati con capolista alla Camera l'uscente Mauro Pili e al Senato Silvio Berlusconi, seguito dall'ex sindaco di Cagliari, Emilio Floris.
 
Nel primo pomeriggio, alla Corte d'appello sono state presentate anche le liste di Fli alla Camera (presente anche al Senato all'interno della lista civica per Monti) con capolista Gianfranco Fini, seguito dal coordinatore regionale Ignazio Artizzu. Alle consultazioni in Sardegna partecipa anche la Lega Nord con 20 candidati, ma di cui solo due sardi: Antioco Patta, capolista alla Camera, e Salvatore Giorico in seconda posizione dopo Giulio Tremonti al Senato.
Nel frattempo Marco Milanese, in passato consulente dell'ex ministro Tremonti e deputato del Pdl, coinvolto in alcune inchieste giudiziarie, ha rinunciato a candidarsi alle prossime elezioni.

"A sinistra vogliamo far sentire profumo di diritti sociali. A destra si sente ancora la puzza di camorra", ha scritto su Twitter il leader di Sel, Nichi Vendola.

Articolo pubblicato il 22 gennaio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus