Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Consumatori isolani più tutelati con Sicilia chilometro zero
di Dario Raffaele

Dall’assessorato regionale Risorse agricole un apposito marchio

Tags: Chilometro Zero



CATANIA - È stato pubblicato sulla Gurs del 25 gennaio scorso il decreto dell’Assessorato regionale delle Risorse agricole che fissa “Criteri e modalità per l’istituzione e la diffusione del logo identificativo dei prodotti siciliani di qualità “Sicilia Km Zero”.
Il logo Sicilia Km Zero (“chilometro zero”) ha il fine di promuove la valorizzazione delle produzioni agricole di qualità, favorendone il consumo e la commercializzazione, garantendo ai consumatori una maggiore trasparenza dei prezzi e assicurando un’adeguata informazione ai consumatori sull’origine e le specificità di tali prodotti.

Il decreto disciplina gli interventi per garantire il rispetto della normativa in materia di presentazione ed etichettatura dei prodotti agricoli freschi e trasformati attraverso idonea attività di controllo anche con l’utilizzo di strumenti tecnologici a tutela del consumatore; valorizzare il consumo di prodotti agricoli a “chilometri zero”; inoltre vuole incentivare l’impiego da parte dei gestori dei servizi di ristorazione collettiva pubblica di prodotti agricoli a “chilometri zero” nella preparazione dei pasti e favorire l’incremento della vendita diretta di prodotti agricoli a “chilometri zero” da parte dei produttori; non meno importante l’obiettivo di sostenere l’impiego di prodotti agricoli a “chilometri zero” da parte delle imprese esercenti attività di ristorazione od ospitalità nell’ambito del territorio regionale.

Alle imprese di servizi, esercenti attività di ristorazione, ospitalità e vendita al pubblico operanti nel territorio regionale che, nell’ambito degli acquisti di prodotti agricoli effettuati nel corso dell’anno, si approvvigionino per almeno l’80%, in termini di valore, di prodotti agricoli a “chilometri zero”, viene assegnato, al fine di pubblicizzarne l’attività, il logo Sicilia Km Zero, da collocare all’esterno dell’esercizio, sui menù/listini e utilizzabile nell’attività promozionale.

L’approvvigionamento dei prodotti deve essere documentato nelle fatture di acquisto che devono riportare l’indicazione dell’origine, natura, qualità e quantità dei prodotti acquistati. Le imprese sono quindi inserite in un apposito circuito regionale veicolato nell’ambito delle attività promozionali della Regione Sicilia.

Il logo Sicilia Km Zero può essere richiesto da imprese di servizi operanti in Sicilia aventi sede operativa e produttiva in Sicilia, esercenti attività di vendita, ristorazione o ospitalità che utilizzino i seguenti prodotti  Dop, Igp, Stg, biologico, prodotti a sistema di qualità nazionale e/o regionale, agricoltura integrata, prodotti tradizionali. Con successivo decreto dirigenziale sarà approvato il logo del circuito Sicilia Km Zero. Con successivo decreto dirigenziale sarà determinata la quota associativa annua che l’esercente è tenuto a pagare.

Articolo pubblicato il 29 gennaio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus