Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Di Peri rimane al suo posto, parte la rivoluzione dell’Edilizia
di Gaspare Ingargiola

Verrà concessa una corsia preferenziale al nuovo Prg. Rivisto il programma delle opere pubbliche. Verranno semplificate le procedure di rilascio delle concessioni e delle autorizzazioni

Tags: Palermo, Prg



PALERMO – Si smonta il caso Di Peri, resta in piedi la rivoluzione all’Ufficio Edilizia privata del Comune di Palermo. Tanto tuonò che non piovve, almeno in parte. L’uragano scatenato dalla decisione di Palazzo delle Aquile di avviare una commissione d’inchiesta (il sindaco Leoluca Orlando parlò di “nervo scoperto” e “anomalie”) non travolgerà l’ex comandante della Polizia Municipale, dallo stesso Orlando messo a capo di un settore tanto delicato: Di Peri resterà al suo posto. L’ufficio di via Ausonia, invece, verrà rivoltato come un calzino con una completa riorganizzazione di tutto il personale e una rotazione dei tecnici adibiti alla definizione delle pratiche di condono edilizio.
 
La rivoluzione del settore dell’edilizia privata è stata sancita nel corso di un incontro tra il sindaco e la Commissione Urbanistica del Consiglio comunale, presieduta da Alberto Mangano. All’ordine del giorno c’erano la semplificazione delle procedure di rilascio delle concessioni e delle autorizzazioni, la realizzazione di una adeguato Front office che razionalizzi e semplifichi il rapporto fra cittadini ed Amministrazione e l’informatizzazione delle procedure per snellire la miriade di circolari e disposizioni arretrate. In questo senso va interpretata la determina dirigenziale che già lo scorso 21 dicembre autorizzava la spesa di 45 mila euro per “attrezzature informatiche e arredi vari” per il Settore Edilizia privata.

La riunione con la Commissione Urbanistica è stata anche l’occasione per affrontare l’argomento del nuovo Piano regolatore generale, al quale verrà concessa una corsia preferenziale in sede di discussione amministrativa e consiliare. E dato che di pari passo con il Prg camminano anche le progettazioni su Edilizia sociale e popolare, Piani particolareggiati e Prusst, si è deciso di aumentare il numero dei tecnici addetti al condono edilizio. L’integrazione avverrà attingendo al personale di altre aree del Settore in virtù della legge 26/1986. Dieci nuovi tecnici provengono da altre aree, come l’Urbanistica o il Centro Storico. E nel caso di una procedura ancora in corso “il tecnico, pur assegnato al Servizio Condono Edilizio, dovrà rendersi disponibile nel dedicare una percentuale del suo tempo lavoro alla conclusione del procedimento, concordandola con il Capo Settore di provenienza”.

Altri 20 tecnici saranno trasferiti da altre aree dell’Amministrazione. Le pratiche saranno classificate secondo priorità legate a scadenze o accesso ai finanziamenti. Per l’istituzione del Front Office si elaborerà “una check list della documentazione standardizzata per ciascuna procedura, consentendo che la relativa modulistica possa essere scaricata dal sito web istituzionale del Comune. Con tali misure si procederà ad una semplificazione dei procedimenti con conseguente abbattimento dei termini di definizione dei medesimi”.

Sono state predisposte, infine, l’apertura di un nuovo bando di gara per il Centro Storico e una “profonda revisione” del programma triennale delle opere pubbliche, che il primo cittadino ritiene realizzabile soltanto ignorando “le previsioni del passato per evitare una mera elencazione di principio e garantire la concreta fattibilità progettuale finanziaria delle opere. Il programma triennale è propedeutico all’approvazione del bilancio comunale, che è un’assoluta priorità perché vogliamo sia approvato entro aprile”.

Articolo pubblicato il 14 febbraio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus