Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Elezioni 2013 - Come potrebbe essere il "nuovo" Senato
di Redazione

Secondo la quarta proiezione Istituto Piepoli per la Rai, al Senato la coalizione di centro destra è al 31%, mentre il centrosinistra è al 30,4%.

Tags: Elezioni



ore 18,55
Il centrodestra, secondo le proiezioni Rai-Piepoli, conquista al Senato 121 seggi contro i 96 del centrosinistra, i 65 del M5S, i 19 della Lista Monti. RC e le altre liste resterebbero fuori. Il Pdl avrebbe 100 seggi, la Lega 17, Fratelli d'Italia 4; il Pd 88, Sel 7 e altri 1. La ripartizione dei seggi è fatta in base all'assegnazione dei premi di maggioranza su base regionale. In termini percentuali centrosinistra e centrodestra sono entrambi al 30,7%: Pd 26,5%, Sel 3,1%; Pdl 22,5%, Lega 3,8%. M5S è al 24,5% e Monti al 9,5%.
 
ore 18,17
Secondo la quarta proiezione Istituto Piepoli per la Rai, al Senato la coalizione di centrodestra è al 31%, mentre il centrosinistra è al 30,4%. Il Movimento 5 Stelle è al 24,7%, la Lista Monti al 9,4% e Rivoluzione Civile all'1,8%. Gli altri partiti sono al 2,7%. La quarta proiezione è su un campione del 63%.
In base alla quarta proiezione dell'Istituto Piepoli per la Rai al Senato - su un campione del 63% - il Pd è primo partito con il 25,9%, M5S è al 24,7%, il Pdl al 22,8%, la lista Monti al 9,4%, la Lega Nord al 3,7%, Sel al 3,2%, Fratelli d'Italia 2,2%, Rivoluzione Civile all'1,8%, Fare all'1% e la Destra allo 0,8% mentre altri al 4,5%.
A circa un terzo del campione, la prima proiezione dell'Istituto Piepoli per la Rai indica il Movimento 5 Stelle seconda coalizione e primo partito in Sicilia con il 31.2%, meno di un punto sotto al centrodestra al 32,1%.
Terzo il centrosinistra con un 25.7%, seguito dalla Lista Monti al 6.5%, da Rivoluzione Civile al 2.8% e da altre liste con l'1.7%. In Sicilia il Pdl è il secondo partito con il 25.4%, mentre il Pd è attestato al 18.4%.
Il centrosinistra è avanti in Toscana e Emilia-Romagna, rispettivamente con il 42.8% e il 40.9%. In entrambi i casi, al secondo posto è il Movimento 5 Stelle (22.5% e 23.1%). Mentre il centrodestra è al 21.2% in Toscana e al 21.6% in Emilia Romagna.
La Lista Monti è indicata rispettivamente all'8.8% e al 9.8%.
Mentre Rivoluzione Civile è attestata al 2.2% in Toscana e all'1.6% in Emilia-Romagna.
Il centrodestra è in testa in Veneto e Campania, rispettivamente con il 32.9% e il 36.1%. Seguito dal centrosinistra con il 24.9% nel Veneto e il 28.7% in Campania.
Il Movimento 5 Stelle è rispettivamente al 23.8% e al 22.5%. La lista Monti all'11.9% in Veneto e all'8.3% in Campania, mentre Rc è all'1% e all'1.9%.
In Liguria, su un campione limitato al 2.3%, l'Istituto Piepoli fotografa il centrosinistra al 33.5%, seguito da M5S al 30.6% e dal centrodestra al 23.2%, mentre la Lista Monti è al 9.5% e Rc all'1.7%.
 
ore 17,03
ROMA - 2/a proiezione Istituto Piepoli per Rai, riguardante le percentuali di voto alle coalizioni del Senato.
CENTRO DESTRA 31,6%
CENTRO SINISTRA 29,4%
MOVIMENTO 5 STELLE 24,9%
CON MONTI PER L'ITALIA 9,2%
RIVOLUZIONE CIVILE 1,8%
ALTRE LISTE 3,1%
 
ore 16,55
Secondo i dati Emg per La7, in Sicilia il centrodestra è in vantaggio con il 32,1%. Il centrosinistra è al 28,6%, M5S al 27,8%, la Lista Monti al 6,1%. Rivoluzione civile ottiene il 2,8%, Fare lo 0,7% e gli altri partiti l'1,9%.
 
ore 15,00
Va attestandosi sopra al 75%, in calo rispetto alle politiche del 2008, l'affluenza alle urne rilevata alle ore 15 (il dato si riferisce alla Camera dei Deputati).
Secondo i dati finora disponibili, l'affluenza risulta del 75,41% quando sono noti i dati di 5.057 comuni su 8.092 complessivi.
Nella precedente tornata elettorale, la percentuale omologa era stata dell'81,03%.
 
Elezioni nazionali, attesa per il rilevamento dei dati di affluenza alle urne delle ore 12, prima di quello definitivo.
Ieri, alla chiusura dei seggi (ore 22), in Italia aveva votato il 55,17% degli aventi diritto contro il 62,55 della precedente tornata nel 2008.
Peggiore il dato siciliano. Alle 22 di ieri aveva votato il 45,87% (55,11% del 2008).

Articolo pubblicato il 25 febbraio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus