Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Dipendenti Regione siciliana, mobilità strapagata
di Andrea Carlino

I sindacati protestano, ma sono stati informati dalla circolare del 27 dicembre che applica il codice antimafia (L.r. 5/11). La retribuzione di anzianità è fino a dodici volte più cara che in Lombardia

Tags: Regione Siciliana, Dipendenti



La mobilità del personale è garanzia  di trasparenza, efficienza ed economicità nella gestione delle risorse umane.  Come si legge nella circolare dell’ex dirigente generale della Funzione pubblica della Regione, Giovanni Bologna, inviata ai sindacati il 27 dicembre scorso, essa è attivata “per la razionalizzazione nell’impiego del personale e la flessibilità degli organici, finalizzata alla migliore utilizzazione e alla valorizzazione della professionalità del dipendente”.
Uno dei criteri di riferimento è l’anzianità del dipendente e proprio questa voce è lautamente retribuita nel contratto dei regionali, basti pensare che essi in media ricevono 3.755 euro l’anno contro 312 euro di R.i.a. (Retribuzione individuale di anzianità, appunto) dei dipendenti non dirigenziali della Regione Lombardia. Dunque la protesta dei sindacati è inutile. (continua)

Articolo pubblicato il 05 marzo 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus