Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Regione siciliana, 16 consulenti da 163 mila euro
di Massimo Mobilia

Il primo marzo sono stati nominati gli ultimi tre. Siamo lontani dai 113 esperti esterni del 2012 da 1,155 milioni di euro. Tredici assegnati dalla nuova Giunta Crocetta e tre ereditati dal governo Lombardo

Tags: Regione Siciliana, Consulenza



PALERMO - Di questi tempi in anni passati eravamo sommersi di lavoro nel dover contare centinaia di consulenti alla Regione siciliana e fare il bilancio delle spese per l'affidamento di incarichi esterni prodotti ogni anno. Non c'era il tempo di chiudere i conti a dicembre che già nei primi mesi dell'anno si scoprivano decine e decine di nuove consulenze. Ad analizzare la situazione odierna invece ci viene da dire che, con il passaggio di consegne dalla vecchia giunta Lombardo al nuovo governo Crocetta, più di qualcosa è cambiato seguendo la strada del risparmio.

Gli incarichi di consulenza attualmente vigenti risultano essere sedici, di cui soltanto tredici assegnate dalla nuova Giunta dopo le elezioni del 28 ottobre scorso, per una spesa di 106.142 euro, più uno a titolo gratuito. Gli altri tre consulenti (più uno a titolo gratuito) erano stati invece nominati ai tempi del precedente Governo: due dal vecchio assessore all'Agricoltura fino a settembre 2014 e uno dal dirigente del dipartimento Pianificazione strategica fino ad ottobre, per una spesa ulteriore di 56.962 euro. Stando così le cose ed auspicando che non arrivino nuovi consulenti nei prossimi mesi, la Regione siciliana spenderà quest'anno circa 163 mila euro per 16 incarichi esterni, risparmiando quasi un milione di euro rispetto al 2012.

Un cambiamento di rotta deciso e significativo rispetto alle vecchie maniere, quando Palazzo dei Normanni era residenza fissa per schiere di consulenti. Lo scorso anno infatti il governo di Raffaele Lombardo aveva assegnato 113 incarichi per una spesa di oltre 1 milione e 155 mila euro, di cui quindici consulenze pubblicate sul sito internet della Regione - come trasparenza obbliga - soltanto due giorni prima la data delle elezioni di ottobre e una assegnata dalla Presidenza che è divenuta pubblica soltanto a dicembre. In ogni caso una spesa ancora una volta di gran lunga superiore a quella di altre Regioni come la Lombardia - presa a confronto nelle nostre inchieste in quanto simile alla Sicilia per grandezza territoriale - che nel 2012 ha avuto appena 15 consulenti per un costo totale di 477 mila euro.

Più tragico era stato il raffronto degli incarichi esterni nel 2011, quando la Regione siciliana aveva fatto registrare il record di 206 consulenze per una spesa di circa 3 milioni di euro, mentre in Lombardia operavano soltanto 21 esperti al costo di 825 mila euro. E ricordiamo sempre il paradosso che la Regione siciliana mantiene già in organico oltre 1800 dirigenti, mentre la Lombardia, con il doppio della popolazione, di dirigenti ne ha circa 200. Se contiamo anche il personale non dirigente il rapporto tra Lombardia e Sicilia è di uno a sei, con un risparmio per la prima rispetto alla seconda di circa 677 milioni di euro l'anno mettendo insieme spesa per personale e giunta di governo - 119 milioni per la Lombardia, 796 milioni per la Sicilia, stando ai dati dei rispettivi dipartimenti del Personale aggiornati al 2011. Non è ancora possibile aggiornare il confronto delle consulenze tra le due regioni al 2013 perché con le recenti elezioni che hanno sancito il passaggio di consegne tra Roberto Formigoni e Roberto Maroni, gli incarichi di quest'anno non sono ancora stati pubblicati.

E' comunque sin d'ora auspicabile per la Sicilia, come dicevamo, un risparmio di circa un milione di euro per il 2013 considerando anche che, tra gli ultimi incarichi che erano arrivati dalla giunta Lombardo in scadenza quest'anno, tre consulenze sono già state revocate per un risparmio di oltre 36 mila euro, in dieci hanno trovato naturale conclusione entro il 2012, mentre altre due sono scadute il mese scorso. Il neogovernatore Rosario Crocetta per ora si limita a tre consulenti personali, dal primo di marzo a fine aprile, per l'utilizzo dei fondi europei 2007-2013. In ogni caso, stando alle voci inserite nel Bilancio di previsione 2013, per esperti ed incarichi vari di consulenza esterna non si potranno sforare i 497 mila euro e, anche in questo caso, si registra un notevole miglioramento rispetto al passato visto che nel 2012 lo stanziamento era stato di 967 mila euro.


Beni culturali: non si può fare a meno di un’americana e di esperti di arte contemporanea

Tra i nuovi consulenti esterni pagati dalla Regione siciliana troviamo una vecchia conoscenza di Palazzo d'Orleans, Andrea Ciulla, nominato dall'assessore alle Attività produttive, Linda Vancheri, fino ad aprile in qualità di consulente giuridico per 7.500 euro. Ben nove esperti, invece, sono stati chiamati a prestare servizio al Museo regionale d'Arte moderna e contemporanea, dal dirigente responsabile di Palazzo Riso a Palermo, Francesco Andolina: in sette si occuperanno per un anno del nuovo Sportello d'Arte Contemporanea della Sicilia (Sacs), e percepiranno 8.000 euro ciascuno. Il Sacs vuole promuovere in Italia e all'estero la giovane creatività siciliana attraverso una rete di interscambio tra la scena artistica regionale e quella internazionale, informare sulle opportunità di residenze all'estero, pubblicizzare le esposizioni siciliane e permettere a curatori italiani e stranieri di conoscere direttamente la scena artistica dell'Isola gestendo anche un Archivio degli artisti siciliani. Tra gli altri due consulenti troviamo invece, un'americana che vive a Venezia, Marlene Klein, chiamata come traduttrice di testi dall'italiano all'inglese per 2.240 euro fino a luglio, e un curatore scientifico della mostra "Mimmo Germanà", Achille Benito Oliva che percepirà 27.830 euro fino a giugno. (mm)


I DATI PARLANO

106.142 €
la spesa per tredici incarichi di consulenza assegnati dall'avvento del governo Crocetta
497 mila €
lo stanziamento della Regione siciliana nel Bilancio di previsione 2013 per esperti ed incarichi vari di consulenza esterna
113
le consulenze assegnate dal governo Lombardo nell'arco del 2012
1,155 mln €
quanto speso dalla Regione siciliana per i consulenti nel 2012
1 milione €
il potenziale risparmio che la Regione siciliana può determinare quest'anno se non verranno assegnati altri incarichi esterni

Articolo pubblicato il 05 marzo 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐