Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

UniPa, al via il “book sharing” per gli studenti
di Desirée Miranda

Da un mese attivo un servizio innovativo per la comunità studentesca. Disponibili anche libri non legati all’ambito universitario

Tags: Unipa, Book Sharing



CATANIA - La ricerca di un romanzo, di un saggio, di un manuale, delle dispense o del programma di quel professore puntiglioso o di un dizionario che non usi praticamente mai e quindi decidi di non comprare, ma giusto domani hai un esame scritto e sarebbe meglio averlo.

Problemi da universitari che a volte non hanno soluzione, altre sì. A Palermo, i ragazzi del Coordinamento universitario Uniattiva, hanno deciso di cercare di aiutare in tal senso i propri colleghi.
“L’Università degli studi di Palermo cerca di fare quel che può con una rete non indifferente di biblioteche, ma ci sono pochi manuali. Spesso poi  le dispense on line non ci sono o sono poche e la loro disponibilità dipende da ogni singolo professore.
Il sistema non funziona come dovrebbe, insomma, così cerchiamo di fare un servizio ausiliario con una sorta di book sharing universitario.

La nostra associazione è nata al servizio degli studenti e questo è uno di quelli importanti, stando pur sempre attenti al rispetto dei diritti d’autore”, dichiara Ruggero D’amico, coordinatore di Uniattiva Palermo.
L’Università degli studi di Palermo non riesce quindi a soddisfare le esigenze dei proprio studenti e loro si auto organizzano con un progetto in cui sono gli organizzatori e i destinatari al tempo stesso e che non smette di essere ampliato grazie alle donazioni o ai prestiti di chi vuol dare il proprio contributo. L’ideale sarebbe averlo anche sul web, senza essere obbligati a raggiungere l’auletta
.Da circa un mese, comunque, il servizio ha già avuto un certo ampliamento. Sempre secondo il principio del book sarin, ovvero: “prendi un libro, lascia un libro” si possono trovare altre tipologie di testi che non siano legati per forza al mondo universitario.
Si tratta, infatti, di un’ iniziativa culturale parallela a quella universitaria e aperta a tutti. Un servizio già presente in altre città e che i ragazzi di Uniattiva hanno voluto portare anche a Palermo. 

“La cultura non è esclusiva degli studenti, ci sono moltissime persone sensibili alla diffusione del sapere o legati al semplice piacere di leggere un libro e condividerlo con gli altri. Il book sarin aiuta anche a relazionarsi con gli altri, infatti, diventa un motivo di incontro con amici o può dare la possibilità di conoscerne dei nuovi”, afferma ancora il coordinatore Ruggero D’amico.
Il catalogo della libreria è disponibile anche on line grazie al sistema Anobi. Per maggiori informazioni www.uniattiva.blogspot.it.

Articolo pubblicato il 06 marzo 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus