Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Un patto fra generazioni per essere più competitivi
di Liliana Rosano

Alfio Turrisi, presidente Sielte

Tags: Sielte, Alfio Turrisi



CATANIA - Il loro motto è “Da oltre 90 anni connettiamo il nostro mondo”. La società “Sielte” con sede legale a San Gregorio, in provincia di Catania, da quasi un secolo lavora nel campo delle telecomunicazioni con diverse sedi operative dislocate in Nigeria, Emirati Arabi, Tunisia, Iraq. Nell’Isola conta 382 dipendenti e l’ultimo fatturato è di 223 milioni di euro. Ne abbiamo parlato con il presidente Alfio Turrisi.

Di cosa si occupa la vostra società e quante sono le sedi sparse tra Italia e l’estero?
“La nostra Società si occupa di progettazione, realizzazione e manutenzione di sistemi di telecomunicazioni, di tecnico-impiantistica e sicurezza per importanti clienti nazionali ed internazionali. Presidia il territorio nazionale con 21 sedi operative ed è presente all’estero con rappresentanze e società locali in Spagna, Romania, Nigeria, Emirati Arabi, Algeria, Tunisia e Iraq”.

Quali sono gli elementi e le strategie che vi hanno portato al successo?
“Aver sviluppato un progetto “Azienda” che vede al centro principalmente le risorse umane e mette la massima determinazione nel perseguire obiettivi ritenuti spesso irraggiungibili”.

Su cosa state investendo maggiormente?
“Stiamo puntando sull’allargamento della nostra presenza all’estero, sulla riqualificazione dei collaboratori con corsi di aggiornamento e sull’assunzione di nuove figure professionali rappresentate in particolare da periti ed ingegneri”.

Quali sono le difficoltà che riscontrate lavorando con la pubblica amministrazione? Ci sono ritardi nei pagamenti?
“Le difficoltà sono: l’elevato livello di burocrazia e la lunghezza dei tempi di attesa per le risposte inerenti ai quesiti da noi posti, i ritardi nei pagamenti che sono assolutamente insostenibili (spesso di parecchi anni) ed inoltre la difficoltà di acquisizione di lavori a causa di ribassi assolutamente non giustificati”.

Vi occupate di energie rinnovabili. Che risultati avete ottenuto in questo campo?
“Si, è un ambito in cui abbiamo molto investito negli ultimi anni realizzando sui nostri immobili impianti fotovoltaici che occupano tutte le superfici idonee allo scopo e siamo attualmente impegnati con aziende partecipate (Enal S.p.A., Solena Italia S.p.A. Bio Fuel Systems S.A.) per lo sviluppo di progetti sulle biomasse e nel trattamento di rifiuti solidi urbani che riteniamo possano rappresentare una risposta, per il prossimo futuro, ai problemi dell’inquinamento e della produzione di bio-petrolio e/o energia elettrica”.

Investite in ricerca e sviluppo? Ci sono ricercatori o tirocinanti al vostro servizio?
“Investiamo tramite le aziende partecipate, alcune delle quali sono, come detto, esclusivamente di ricerca e sviluppo di nuove tecnologie”.

Avete risentito della crisi?
“Anche se la nostra attività non dovrebbe risentire della crisi in quanto le telecomunicazioni sono un settore trainante per l’economia, la ridotta disponibilità finanziaria attuale ha ritardato gli investimenti nelle reti a larga banda ritenute al momento con ritorni molto lunghi in termini di tempo. Malgrado ciò l’Azienda dal 2008 ha mantenuto il livello produttivo in Italia e, per effetto dell’acquisizione di alcune aziende all’estero, ha addirittura incrementato il volume globale. Riteniamo comunque che non siano finite le difficoltà ed è quindi necessario realizzare un patto fra generazioni per ammodernare l’Impresa e renderla più competitiva sul mercato”.
 


Un sistema di telecomunicazioni per le linee ferroviarie
 
Si chiama sistema di telefonia selettiva integrata. Si tratta di un nuovo sistema messa a punto da Sielte e delinea un nuovo standard per gli impianti telefonici selettivi, di servizio lungo le linee ferroviarie. Questo nuovo sistema è dotato di tecnologie all’avanguardia che permettono soluzioni flessibili ed innovative. Rispetto agli altri sistemi standard di Telefonia Selettiva Integrata, I S I E LT E permette di estendere le potenzialità del sistema senza dover cambiare struttura logica e funzionale. Il risultato è un prodotto molto semplice da configurare, totalmente personalizzabile, con prestazioni di connettività al top e un’integrazione senza limiti con le altre piattaforme operative, per garantire il massimo della comunicazione tra i professionisti del settore. Grazie a queste innovative caratteristiche il sistema S T S I S I E LT E è ideale per tutte le varie condizioni di impiego e regimi di esercizio delle linee ferroviarie (DL, DC, DCO): bastano semplici interventi di riconfigurazione in sede di applicazione per il massimo della performance. Questo sistema consente di: accedere alle comunicazioni radio terra-treno effettuate mediante sistemi radiomobili cellulari pubblici (GSM) e proprietari (GSM-R); integrare su un’unica console tutte le funzioni di accesso ai vari ambienti di comunicazione (telefonia selettiva, telefonia automatica, telefonia mobile di gruppo chiuso e radioterra-treno, telediffusione sonora). Inoltre,  è possibile migliorare l’affidabilità e la disponibilità di impianto e di manutenzione in linea, attraverso criteri di telediagnostica di ultima generazione.

Articolo pubblicato il 07 marzo 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Alfio Turrisi, presidente Sielte
Alfio Turrisi, presidente Sielte