Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Telescopio sottomarino a Capo Passero, posata la prima pietra
di Redazione

A Capo Passero struttura per studiare i neutrini cosmici. Previste torri di 400 metri con sensori ottici

Tags: Capo Passero



ROMA - Posata la prima 'pietra' del telescopio sottomarino che nascerà sotto il mare della Sicilia: si tratta di una torre di 400 metri di altezza installata a 3500 metri di profondità. La posa della prima struttura sarà seguita nei prossimi mesi da una vera 'selva' di centinaia di torri che costituiranno l'esperimento Km3Net, un progetto che coinvolge l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), numerose università italiane e istituti di ricerca di dieci paesi europei.

Come spiegato da un comunicato Infn, le operazioni hanno richiesto più di 24 ore e hanno portato alla posa a circa 80 chilometri al largo di Capo Passero, nello Ionio meridionale, della grande struttura che sarà presto seguita da altre torri simili.
Il progetto Km3Net prevede la realizzazione di un telescopio sottomarino in grado di osservare gli sfuggenti neutrini attraverso una sorta di enorme gabbia sottomarina di 1 chilometro di lato.
 
Le torri fungeranno da supporto per decine di migliaia di sensori ottici (fotomoltiplicatori), "occhi" elettronici che formeranno un'antenna sottomarina in grado di rilevare la scia luminosa prodotta dalle rare interazioni dei neutrini di origine astrofisica con l'acqua di mare.

Il complesso di torri costituirà un telescopio per neutrini cosmici di alta energia, che punta a identificare le sorgenti di raggi cosmici e di antimateria.
"Ora - ha spiegato il direttore dei Laboratori Nazionali del Sud (Lns) dell'Infn, Giacomo Cuttone - si è avviata la fase di caratterizzazione dell'apparato e di acquisizione dei segnali ottici, acustici e oceanografici. Questa attività rappresenta il punto di partenza della realizzazione del rivelatore Km3Net nel sito di Capo Passero dei Lns".

Articolo pubblicato il 26 marzo 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐